Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Pompeo sicuro, Usa leader mondiali nella lotta contro il coronavirus

© REUTERS / Andrew Harnik/PoolSecretary of State Mike Pompeo attends a news conference at the State Department in Washington, DC, U.S., June 10, 2020.
Secretary of State Mike Pompeo attends a news conference at the State Department in Washington, DC, U.S., June 10, 2020.   - Sputnik Italia
Seguici su
Gli Stati Uniti sono il leader mondiale nella lotta contro la pandemia di coronavirus, ha affermato il segretario di Stato americano Mike Pompeo.
"Certo gli Stati Uniti rimangono leader nella pandemia globale... Non c'è dubbio che gli Stati Uniti siano stati e rimarranno i leader mondiali quando si tratta non solo di pandemia globale, ma anche delle infrastrutture globali del sistema e delle istituzioni sanitarie", ha dichiarato il segretario di Stato americano durante la conferenza stampa odierna.

In precedenza il presidente Donald Trump aveva inoltre affermato che gli Stati Uniti sono leader mondiale nella lotta contro la pandemia, indicando i risultati raggiunti dagli Stati Uniti per numero di test e nel trattamento di COVID-19. L'inquilino della Casa Bianca ha inoltre annunciato che "gli Stati Uniti sono diventati il re dei ventilatori (polmonari)" e producono queste apparecchiature in volumi che superano il fabbisogno interno.

Gli Stati Uniti sono al primo posto per numero di casi e decessi dovuti al coronavirus nel mondo. Secondo l'Istituto Johns Hopkins, che riassume i dati sulla diffusione del virus a livello globale raccogliendo le informazioni ufficiali diffuse dalle varie autorità, il numero di casi negli Stati Uniti ha superato i 3 milioni, mentre i decessi sono superiori a 134mila. Il secondo più colpito dal Covid è il Brasile, dove più di 1,6 milioni di persone, incluso il presidente, sono rimaste infettate dal nuovo coronavirus.

Ieri l'amministrazione americana ha notificato alle Nazioni Unite e al Congresso il ritiro del Paese dall'Oms a decorrere dal 6 luglio 2021. Il presidente Donald Trump accusa sistematicamente l'organizzazione di essere collusa con la Cina per aver coperto le origini e per la cattiva gestione dell'epidemia di coronavirus.

A sua volta il candidato democratico Joe Biden, che sfiderà Trump per la Casa Bianca alle elezioni del prossimo novembre, ha fatto sapere che se verrà eletto riporterà subito gli Stati Uniti nell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала