Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Putin: impedirò che l'impresa del popolo sovietico sia cancellata da bugie

© Sputnik . Grigory Sysoyev / Vai alla galleria fotograficaIl presidente russo Vladimir Putin e il presidente bielorusso alla cerimonia di inaugurazione di un monumento al soldato sovietico nella regione di Tver
Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente bielorusso alla cerimonia di inaugurazione di un monumento al soldato sovietico nella regione di Tver - Sputnik Italia
Seguici su
La Russia non permetterà che l'impresa del popolo sovietico nella lotta contro il nazismo venga cancellata da menzogne ​​e falsificazioni, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin.

"Il Memoriale di Rzhev è un altro simbolo della nostra memoria comune, un simbolo di ammirazione per la grande e altruistica azione del soldato-eroe, soldato-liberatore, soldato vittorioso, un soldato che ha salvato l'Europa e il mondo intero dal nazismo. Il tempo non ha il potere e non dovrebbe averlo mai per corrodere l'impresa: non può essere dimenticata, e ancora di più spazzata via, imbrattata da bugie e falsificazioni. Non lo permetteremo", ha detto Putin all'inaugurazione del memoriale al soldato sovietico vicino a Rzhev.

Le vittime della guerra, ha aggiunto, "resteranno sempre in noi come una ferita che non si rimargina".

A sua volta il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, presente alla cerimonia, ha sostenuto che finché le persone creano monumenti e si avvicinano a loro, non ci saranno guerre, ma non appena dimenticheremo la strada per questi luoghi santi, combatteremo sicuramente.

"Oggi inauguriamo un monumento ai soldati, rappresentanti di tutti i popoli dell'Unione Sovietica. Rimettiamo il nostro debito, il debito della memoria sacra. Mentre creiamo monumenti, mentre ci avviciniamo ai monumenti, non combatteremo, eviteremo questa terribile tragedia. E non appena dimenticheremo la strada per questi luoghi santi, combatteremo sicuramente. Questo è il significato delle nostre azioni in queste cerimonie", ha detto Lukashenko.

Ha notato che la guerra è sempre sangue, orrore e morte.

"In questa disumana realtà crudele ci sono linee in cui lo scontro è pagato a un prezzo incredibile. Rzhev è proprio un posto del genere, perché dietro di essa c'era la capitale della nostra patria e del nostro intero grande Paese", ha detto il presidente bielorusso.

Il dovere dei politici, dei personaggi pubblici di primo piano e dei religiosi è conservare e tramandare alle generazioni future tutta la verità sulla Seconda Guerra Mondiale; il ricordo di questi eventi impedirà qualsiasi tentativo di ridare vita alla xenofobia, al nazionalismo e all'antisemitismo, ha affermato in precedenza il presidente russo Vladimir Putin, sottolineando l'importanza di preservare la verità sulla Seconda Guerra Mondiale. 

Video

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала