Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Coronavirus, Crisanti: "il nostro autunno come mattatoi tedeschi, dove il virus fa danni seri"

© Sputnik . Russian Defence Ministry / Vai alla galleria fotograficaL'ospedale da campo a Bergamo
L'ospedale da campo a Bergamo - Sputnik Italia
Seguici su
Il virologo dell'Università di Padova mette in guardia su una possibile seconda ondata, vissuta già da molti Paesi, che potrebbe colpire l'Italia in autunno.

Il virus è tutt'altro che scomparso e se in Italia non ci sono più casi gravi è solo grazie alle misure di distanziamento e restrizioni eseguite rigidamente nei mesi di lockdown. Ma non è finita e il virus potrebbe tornare in autunno, come dimostrano le seconde ondate di contagio che hanno investito Paesi "virtuosi" come Portogallo, Israele e Germania.

Lo ha dichiarato il virologo Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia e virologia dell’Università di Padova, in un’intervista a Il Fatto Quotidiano.

"Non possiamo aspettarci - spiega Crisanti - che Sars Cov2 sparisca come la Sars, nel giro di un’estate, perché ci sono milioni di contagiati in tutti e cinque i continenti. È soltanto diventato meno probabile infettarsi in Italia in questo preciso momento ed è un effetto positivo del lockdown, delle mascherine e della distanza. E del caldo secco. Ma il nostro autunno sarà come i mattatoi tedeschi adesso, dove il virus, anche ora, sta facendo danni seri”. 

Il virologo avverte che per evitare una seconda ondata, bisognerà “aggredire sul nascere ogni singolo cluster. I contagi importati da Paesi in cui l’epidemia è fuori controllo sono molto pericolosi. Ne abbiamo avuto uno anche a Padova, una badante che ha infettato tutta la famiglia. E se non vengono individuati subito, l’Italia rischia di perdere tutto il lavoro fatto con il lockdown”.

Il professor Crisanti, dopo aver gestito la fase epidemica in Veneto e in particolare il cluster di Vo' Euganeo, è stato nominato consulente dai pm di Bergano nell'inchiesta per la mancata istituzione rossa nella zona della Bergamasca, sulla gestione dell’ospedale di Alzano Lombardo e sulle morti nella residenze sanitarie in Lombardia.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала