Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

"India non sottostimi volontà cinese di salvaguardare l'integrità territoriale" - Esteri Pechino

© AP Photo / Ng Han GuanPortavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying
Portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying - Sputnik Italia
Seguici su
Il ministro degli Esteri cinese ha messo in guardia l'India, affermando che New Delhi non dovrebbe sottovalutare la "ferma volontà" di Pechino di salvaguardare i propri confini nazionali.

"L'India non deve malgiudicare la situazione attuale o sottostimare la ferma volontà della Cina di salvaguardare la propria integrità territoriale", ha spiegato il portavoce degli Esteri di Pechino Hua Chunying.

Il funzionario ha quindi sottolineato che è stata l'India a far crollare il compromesso raggiunto dalle due nazioni il 6 giugno scorso.

Le truppe indiane, sostiene Pechino, "hanno deliberatamente provocato e attaccato degli ufficiali cinesi, facendo così insorgere dei sostenuti scontri che hanno causato delle vittime".

La dichiarazione arriva a poche ore dall'intervento del titolare degli Eesteri di New Delhi, Anurag Shrivastava, il quale aveva annunciato che sia la Cina che l'India avevano trovato la quadra per mettere fine pacificamente alla contesa nella Valle del Galvan.

La questione del Ladakh

Due settimane fa, i media indiani hanno riferito che New Delhi e Pechino avevano dispiegato ulteriori truppe nell'area di confine nel Ladakh, una regione amministrata dall'India come territorio sindacale, a seguito di violenti scontri avvenuti tra il 5 al 6 maggio, quando circa 250 indiani e le truppe cinesi sono stati impegnati in schermaglie sulla riva settentrionale del lago Pangong nel Ladakh, un'area che è stata oggetto di controversie tra Pakistan, India e Cina per decenni. 

I due paesi del Sud e dell'Est asiatico non hanno un confine segnato ma piuttosto una cosiddetta linea di controllo effettivo, che è stata creata dopo la guerra del 1962 tra i due Paesi e ha provocato numerosi conflitti di confine nei decenni successivi.

 

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала