Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Voli, De Micheli assicura le compagnie low cost: "Nessuna competizione con Alitalia"

© Filippo AttiliIl ministro dei Trasporti, De Micheli
Il ministro dei Trasporti, De Micheli - Sputnik Italia
Seguici su
Le compagnie di volo low cost sono state invitate a un tavolo per il rilancio del settore e la definizione degli obiettivi per garantire l'efficienza dei collegamenti aerei in Italia.

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, ha incontrato in video conferenza i rappresentanti delle compagnie low fares  Ryanair, Vueling, Volotea, Easyjet, Norwegian e Blueair, riunite sotto la sigla Aicalf. 

Durante i colloqui sono stati tracciati alcuni degli obiettivi per la ripartenza, "un mercato aereo in grado di ripartire dopo l'emergenza Covid-19 con regole, anche contrattuali, uguali per tutti per favorire la libera concorrenza e gli investimenti nel nostro Paese, e un nuovo piano nazionale aeroporti che porti alla garanzia di collegamenti efficienti in tutta la penisola", ha chiarito la ministra. 

La De Micheli ha riconosciuto il ruolo delle compagnie nello sviluppo turistico del Paese, assicurando Aicalf del fatto che la strategia industriale elaborata per la NewCo Alitalia non si sovrapporrà e non entrerà in competizione con quella delle low fares, "perché la nuova compagnia pubblica giocherà in un campo internazionale".

"Nessuna norma vuole limitare la sana concorrenza tra compagnie di cui beneficiano i cittadini,  – ha precisato De Micheli riferendosi alle misure di sostegno inserite nel decreto Rilancio – ma solo garantire regole e condizioni uguali per tutti. Abbiamo stanziato risorse a compensazione di perdite per il lockdown e rimpatri dei nostri connazionali, del mantenimento della continuità territoriale e delle conseguenze dell’adozione di norme di sicurezza e distanziamento sociale molto severe solo in Italia.

Inoltre "l'introduzione dell'obbligo di adeguamento ai minimi retributivi del contratto nazionale del settore – ha aggiunto – non è una norma che abbiamo immaginato contro le low fares, ma a favore dei lavoratori, a fronte di una condizione di reddito e di lavoro che è complessivamente peggiorata a causa della crisi".

Infine la ministra ha invitato i rappresentati al tavolo per la definizione del nuovo piano nazionale aeroporti, convocato dalle Regioni per garantire l'efficienza dei collegamenti in tutto il Paese. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала