Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

GB e Australia avviano le trattative sul libero scambio

© REUTERS / Loren ElliottIl primo ministro australiano Scott Morrison
Il primo ministro australiano Scott Morrison  - Sputnik Italia
Seguici su
Il primo ministro australiano Scott Morrison ed il suo omologo britannico Boris Johnson hanno annunciato l’inizio dei negoziati sul libero scambio.

Il premier australiano ha ricordato che per una lunga parte della storia economica australiana la Gran Bretagna era il suo più grande partner commerciale e rimane uno dei più importanti partner per gli investimenti. Secondo Morrison, le parti riusciranno ad elaborare un accordo il più presto possibile, probabilmente anche entro la fine del 2020.

“Sono lieto, insieme al primo ministro Boris Johnson e al popolo della Gran Bretagna, di celebrare l'inizio dei negoziati sull’accordo di libero scambio comprensivo tra Australia e Regno Unito”, ha dichiarato Morrison in un video pubblicato sulla sua pagina Twitter.

Ad avviso del politico, Australia e Regno Unito hanno un’opportunità per “ricaricare al 100%” le loro relazioni economiche, il che porterà a “più posti di lavoro, più crescita, più prosperità in entrambi paesi”.

“Questo dimostrerà anche la determinazione di entrambe le nostre nazioni di aprire, non chiudere, i nostri mercati nell’era post-COVID”, ha sottolineato il premier australiano.

Anche Boris Johnson è entusiasta dell’avvio delle trattative. Il primo ministro britannico ha ricordato l'eccezionale vicinanza fra i due paesi ed il potenziale che questa esprime per il commercio.

Nella giornata di oggi è stato annunciato anche l’avvio delle trattative sul libero scambio tra Gran Bretagna e Nuova Zelanda. Il primo round di negoziati dovrebbe svolgersi in videoconferenza in seconda metà luglio.

BREXIT e accordo UE-GB

Il Regno Unito ha abbandonato l’UE il 31 gennaio. Per il periodo dal febbraio a dicembre del 2020 è in atto il "periodo transitorio", durante il quale il Regno Unito ed i 27 paesi dell’UE vivranno "come se non fosse cambiato nulla". Entro il 31 dicembre 2020 UE e Regno Unito dovranno stabilire le basi giuridiche delle loro relazioni future e l’obiettivo più importante è quello di raggiungere un accordo sul commercio.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала