Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Da oggi al via le richieste per il contributo per le Pmi: che cos'è e come richiederlo

© Sputnik . Aleksey Suhorukov / Vai alla galleria fotograficaEuro
Euro - Sputnik Italia
Seguici su
Da oggi scatta la possibilità di fare richiesta per il contributo per tutte le piccole e medie imprese colpite dalla crisi economica provocata dalla pandemia di Covid-19.

A partire dalla giornata di oggi, come previsto dal Dl rilancio, le Pmi danneggiate dall'emergenza Covid-19 saranno in grado di richiedere contributi a fondo perduto. 

La cifra, che potrà andare da un minimo di 1000 euro per le persone fisiche fino a 2000 euro per le aziende, verrà erogata sul conto corrente del richiedente dall'Agenzia delle Entrate entro circa dieci giorni dal momento della domanda

Il contributo potrà essere richiesto da imprese, partite Iva o dai titolari di reddito agrario, a condizione che siano in attività alla data di presentazione della domanda, fino al 13 agosto 2020, ossia per un periodo di 60 giorni.

Come si presenta la domanda?

Il modello per la presentazione delle domande è stato pubblicato dalla stessa Agenzia delle Entrate unitamente ad una circolare che chiarisce alcuni punti, tra cui l'accesso al contributo per forfettari, società tra professionisti e esercenti di attività d’impresa o di lavoro autonomo.

Sarà possibile presentare l'istanza solo per via telematica tramite il software e il canale telematico Entratel/Fisconline, oppure utilizzando la procedura web apposita dell'area riservata del portale "Fatture e corrispettivi" dell'Agenzia delle Entrate.

Per accedere alla procedura si potrà, alternativamente

  • utilizzare le credenziali Fiscoonline o Entratel dell'Agezia
  • accedere tramite Sistema pubblico di identità digitale (Spid)
  • utilizzare la Carta nazionale dei servizi (Cns)

Quali sono i requisiti per accedere al contributo?

Per accedere al contributo bisognerà rispettare due requisiti, enunciati anche nella guida dell'Agenzia delle Entrate:

  • ricavi o compensi 2019 non dovranno essere superiori alla cifra di 5 milioni di euro
  • il calo di fatturato e corrispettivi ad aprile 2020 deve essere superiore ai due terzi di quello dell'aprile dell'anno precedente,

Per quanto concerne il secondo parametro, sono previste delle deroghe per tutti coloro che hanno avviato la propria attività dal 1° gennaio 2019 o per gli esercenti con domicilio fiscale o sede situata in territori colpiti da eventi calamitosi e ancora in emergenza al 31 gennaio 2020.

L'entità del contributo

Alla differenza tra il fatturato e i corrispettivi di aprile 2020 e quelli dell'aprile 2019 sarà applicata una specifica percentuale in relazione a ricavi e compensi che spetterà al richiedente.

In caso di ricavi inferiori ai 400.000 euro, il richiedente riceverà il 20%, con un milione di euro la cifra corrisponderà al 15% mentre fino a cinque milioni si potrà ottenere fino al 10%.

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала