Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Seattle: manifestanti bloccano a terra predicatore mentre grida "mi state soffocando" - Video

© REUTERS / Eduardo MunozDemonstrator raises his fist during a protest against police brutality and racial inequality in the aftermath of the death in Minneapolis police custody of George Floyd, in New York, U.S., June 11, 2020
Demonstrator raises his fist during a protest against police brutality and racial inequality in the aftermath of the death in Minneapolis police custody of George Floyd, in New York, U.S., June 11, 2020 - Sputnik Italia
Seguici su
La cosiddetta "zona autonoma di Capitol Hill", o "CHAZ", è stata istituita dai manifestanti intorno al distretto orientale dopo che la polizia si è ritirata dall'area lunedì.

I manifestanti di Seattle hanno trattenuto sabato un predicatore cristiano di strada nell'area cosiddetta "zona autonoma di Seattle" o CHAZ.

Il filmato che circola sui social media mostra i manifestanti che lo bloccano a terra mentre grida "mi state soffocando" prima di lasciarlo andare, in una maniera molto simile a quella visibile nell'arresto dei George Floyd.

La reazione al post è stata controversa: alcuni utenti hanno affermato che l'uomo non ha sofferto molto perché è durato solo pochi secondi, mentre altri hanno accusato i manifestanti d'ipocrisia e si sono chiesti perché fossero così duri con il predicatore in primo luogo.

"Sembra che gli strozzatori siano accettabili nel paese di CHAZ", ha twittato un altro utente.

Un altro video girato pochi istanti prima mostra lo stesso predicatore che tira un uomo per la maglietta che tiene un megafono. Apparentemente il predicatore stava cercando di recuperare il megafono dai manifestanti che glielo avevano tolto, come mostrato nel prossimo video.

​Infine, un altro filmato mostra il momento della "riconciliazione", mentre i manifestanti so avvicinano al predicatore e lo abbracciano, anche se non si sente a suo agio e si sente dire: "Questo è un abbraccio molto forte". Uno dei manifestanti continua a baciarlo sulla guancia prima che fugga dagli abbracci e continua con la sua predicazione, seguito dai manifestanti.

Una zona "libera dalla Polizia"

​La polizia non è stata in grado di operare nel CHAZ ormai da diversi giorni, poiché i manifestanti non gli consentono di entrare nell'area. Secondo il capo della polizia di Seattle Carmen Best, ci sono notizie di "stupri, rapine e ogni sorta di atti violenti" nel CHAZ, a cui la polizia non può rispondere. Altri rapporti affermano che "guardie armate" sono collocate nel perimetro del CHAZ chiedendo documenti d'identità, mentre ai residenti e alle imprese locali viene chiesto di pagare una "tassa".

Un altro video condiviso online mostra il predicatore che si rivolge al presidente Donald Trump. Chiama il sindaco di Seattle Durkan "un completo fallimento" e chiede al presidente di prendere il controllo della sua città natale.

"Qui il nostro paese è andato perso, Capitol Hill", dice il predicatore nel video.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала