Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Zarif spiega perché Trump ha buone possibilità di rielezione

© Sputnik . Ramil Sitdikov / Vai alla galleria fotograficaIl ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif
Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif - Sputnik Italia
Seguici su
L'inattesa analisi politica del ministro degli Esteri di uno dei più grandi avversari geopolitici di Washington arriva sulla scia del recente sondaggio negli Stati Uniti che mostra l'ex vicepresidente Joe Biden davanti a Donald Trump di ben 10 punti percentuali in vista delle prossime elezioni di novembre.

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ritiene che il presidente Trump abbia buone possibilità di essere rieletto, grazie al costante sostegno dei suoi elettori principali.

“L'errore più grande nelle scienze umane è prevedere, soprattutto in condizioni fluide e complesse. Ma permettetemi di avventurarmi in una previsione secondo cui le probabilità di rielezione di Trump sono ancora superiori al 50%", ha detto Zarif in un'intervista su Instagram sabato.

"Ovviamente le sue possibilità sono notevolmente diminuite rispetto a quattro o cinque mesi fa", ha osservato il diplomatico iraniano. "Ma Trump ha una base elettorale del 30-35 percento che non si è mossa e, fintanto che questa base non si scosta, c'è ancora una possibilità della sua rielezione".

La previsione che fa riflettere Zarif, il cui paese Trump ha sanzionato e minacciato senza pietà per gran parte dei suoi tre anni e mezzo di permanenza alla Casa Bianca, arriva sulla scia del sondaggio che mostra che il presunto candidato democratico Joe Biden stacca Trump da quattro a dieci punti in vista delle elezioni del 3 novembre.

Mohammad Javad Zarif  - Sputnik Italia
Zarif: Trump è stato malconsigliato e ha fatto scelte sbagliate in politica estera

Bisogna ricordare che Trump era in svantaggio nei sondaggi sostanzialmente con lo stesso distacco nei confronti dell'ex senatrice Hillary Clinton per tutta la campagna elettorale del 2016, prima di sconfiggerla con un colpo di scena insperato, giustificato dal sistema del collegio elettorale e da una forte dimostrazione di sostegno della Rust Belt al tycoon.

Questa volta, Trump ha accusato i suoi avversari di tentare di scoraggiare i suoi sostenitori diffondendo sondaggi "falsi", e ha inviato alla CNN una lettera di diffida dopo la pubblicazione di un sondaggio "distorto" che lo mostrava di ben 14 punti staccato da Biden.

Nell'intervista Zarif ha suggerito che Trump probabilmente ha capito che la sua campagna di "massima" pressione contro l'Iran è un fallimento, ma non può ammetterlo. "Non credo che Trump creda più nei discorsi che la Repubblica Islamica sta per crollare. Ma continua a ripetere i suoi errori. Sembra che gli Stati Uniti sappiano di aver commesso errori ma non sanno come correggerli ", ha suggerito.

La crisi con l'Iran

Le relazioni Iran-USA, dopo aver toccato l'apice nel 2015 con la firma dell'accordo sul piano d'azione congiunto globale sul programma nucleare di Teheran, hanno avuto una svolta negativa dopo l'elezione di Trump nel 2016. Nel maggio 2018, a seguito di pressioni degli israeliani, Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall'accordo nucleare e ha imposto all'Iran pesanti sanzioni energetiche e bancarie. Inoltre gli Stati Uniti hanno minacciato d'introdurre sanzioni secondarie contro qualsiasi Paese che intrattenesse rapporti commerciali con la Repubblica Islamica, spingendo molti dei partner europei e asiatici di Teheran a smettere di acquistare petrolio iraniano.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала