Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Bollettino di oggi: 174.865 guariti (+1.780), 34.305 deceduti (+78), 27.485 casi attuali (-1.512)

© AP Photo / Andrew MedichiniUna proprietaria di un negozio per bambini a Roma
Una proprietaria di un negozio per bambini a Roma - Sputnik Italia
Seguici su
Gli ultimi dati sulla diffusione del coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile.

Sono stati registrati 346 nuovi casi di coronavirus nell'ultimo giorno, che portano il totale a 236.651.

Nella giornata di oggi sono decedute per Covid-19 55 persone, tuttavia il numero segnalato dalla Protezione Civile è di 78 a seguito della segnalazione della Regione Lazio di 23 vittime a marzo e aprile, così come 2 decessi avvenuti nelle ultime ore. Complessivamente i decessi per Covid-19 dall'inizio dell'epidemia in Italia salgono a 34.305.

Le guarigioni salgono fino a 174.865, grazie ad un aumento di 1.780 nell'ultimo giorno.

Al momento 27.485 italiani sono infettati dal coronavirus, -1.512 rispetto al dato di ieri. Giorno dopo giorno migliora sempre la situazione negli ospedali: in terapia intensiva si trovano oggi 220 pazienti, -7 rispetto a ieri; 3.747 persone sono ricoverate con sintomi, 146 meno di ieri; in isolamento domiciliare con sintomi lievi o assenti ci sono 23.518 persone, in calo di 1.359 rispetto a ieri.

Dei 346 nuovi casi rilevati oggi, la maggior parte arrivano dalla Lombardia con 210 nuovi contagi, pari a circa il 60% del totale. A seguire troviamo il Piemonte con 40 nuovi casi, l'Emilia Romagna con 28, il Lazio con 25 e il Veneto con 13.

Per quanto riguarda il numero di tamponi, oggi ne sono stati fatti 49.750, in diminuzione rispetto agli 80.562 di ieri. Il rapporto tra tamponi fatti e casi individuati è di 1 malato ogni 143,8 tamponi fatti, pari allo 0,7%, in leggero aumento rispetto alla media dello 0,5% degli ultimi giorni.

Dei 49.750 tamponi fatti, 32.880 sono le persone testate per la prima volta. E' stato trovato un positivo ogni 95 persone, ovvero, pari all'1,1%.

Oggi il professor Massimo Clementi, direttore del laboratorio di microbiologia e virologia dell’ospedale San Raffaele di Milano, ha sostenuto che non ci sarà nessuna seconda ondata di Covid-19 in autunno, dal momento che il virus, adattandosi all'uomo, sta perdendo la sua virulenza.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала