Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Salvini: "In Italia la Cina starà fuori dal 5G"

Seguici su
Matteo Salvini a tutto campo contro la Cina, parla di una indagine internazionale sulla gestione della pandemia, dice no al 5G cinese e sulla Via della Seta chiede modifiche al memorandum firmato.

Matteo Salvini, in un'intervista a Formiche.net, a tutto campo si schiera contro la Cina su molti fronti, a partire dalla gestione della pandemia che reputa tardiva, passando per il 5G che non può essere un “Cavallo di Troia”. Critico anche sull’accordo stipulato dall’Italia sulla Via della Seta e firmato da Luigi Di Maio quando egli era ancora ministro dell’Intero nel governo gialloverde.

Indagine internazionale sul nuovo coronavirus

"Sono più di 116 Paesi a chiederla”, dice Salvini riguardo una indagine internazionale che faccia luce su quanto accaduto a proposito della diffusione del nuovo coronavirus:

Le persone che indossano maschere protettive vengono viste in un mercato di strada a Wuhan, la città cinese più colpita dall'epidemia di coronavirus (COVID-19), nella provincia di Hubei, Cina, 14 maggio 2020. - Sputnik Italia
Ambasciatore cinese in Russia: “Non possiamo dire che la fonte originale di COVID-19 fosse in Cina”
“Le responsabilità del regime comunista cinese sono gravi ed evidenti, dal ritardo con cui è stato dato l’allarme, fino ai continui tentativi di insabbiare ogni richiesta di dati e approfondimenti da parte della comunità internazionale".

Salvini lamenta anche le reazioni del governo italiano in questa situazione:

"Il silenzio del governo in questi mesi è stato imperdonabile. Nonostante oltre 30.000 vittime, nonostante i sacrifici della quarantena, nonostante la crisi economica che ci prepariamo ad affrontare, nessuno dei nostri ministri e tantomeno il premier Conte ha avuto il coraggio di dire una sola parola per denunciare le responsabilità del Regime Cinese".

Il memorandum sulla Via della Seta

Salvini critica l’accordo commerciale italo-cinese che prevede la costruzione di una ideale nuova Via della Seta tra i due Paesi:

"La Lega ha sempre detto di avere dei dubbi su quell’accordo, tanto da aver chiesto di modificarlo. Va benissimo incentivare intese economiche con le nostre imprese, ma non deve essere il Cavallo di Troia".

Sulla questione di Hong Kong

Per quanto riguarda la nuova legge di Pechino sulla sicurezza nazionale che include anche Hong Kong, Salvini prende posizione con questa riflessione:

“Nel 1939 probabilmente ci si chiedeva negli stessi termini se Danzica fosse affare di Berlino o riguardasse il mondo intero. Sappiamo com’è andata a finire…”

Il 5G

Sul 5G e l’uso di apparecchiature prodotte da aziende cinesi, Salvini afferma che “in Italia la Cina starà fuori dal 5G”, perché secondo lui non è accettabile "che questa infrastruttura così fondamentale per la nostra sicurezza sia nelle mani di una potenza straniera”.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала