Pizzaioli partenopei contro il forno elettrico: a rischio il riconoscimento Unesco

© Sputnik . Vladimir Vyatkin / Vai alla galleria fotograficaPizza veneziana
Pizza veneziana - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
La vera pizza partenopea si fa nel forno a legna, ora l'introduzione del forno elettrico minaccia la denominazione Stg e il riconoscimento dell'Unesco. Insorgono i veri pizzaioli partenopei.

L’arte del fare la pizza, così come si fa a Napoli e non in altro posto, è stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

Ora questo riconoscimento ricevuto assai di recente (2017) è minacciato dal tentativo di introdurre nelle pizzerie partenopee il forno elettrico in luogo di quello a legna.

Molti tra gli assidui clienti frequentatori delle pizzerie potrebbero gridare “all’eresia”, ma sono anche le associazioni di categoria come l’Associazione pizzaiuoli napoletani a indignarsi e a lanciare l’allarme.

“È a rischio il riconoscimento Unesco per l’arte della pizza a causa dell’uso del forno elettrico”, afferma il presidente dell’associazione Sergio Miccù raggiunto dall’Ansa.

“La nostra tradizione non può piegarsi a scelte di carattere economico”, dice Miccù.

Anche se proprio l’aspetto economico dovrebbe far spaventare i pizzaioli e dissuaderli dall’usare il forno elettrico nelle proprie pizzerie per ‘sfornare pizze’, dal momento che la cultura partenopea lascerebbe nel piatto la pizza cotta nei forni elettrici per recarsi solo ed esclusivamente in quelli dove si usa il forno a legna.

A rischio anche il marchio Stg, Specialità tradizionale garantita e questo perché un’altra associazione di categoria sta permettendo l’uso del forno elettrico.

Il disciplinare Stg, spiega Miccù, impone l’uso del forno a legna per la cottura della pizza partenopea. Come dire, se mangi una pizza cotta nel forno elettrico non sarà pizza Stg e non sarà una pizza che potrà fregiarsi del prestigioso riconoscimento Unesco. Si tratterebbe quindi di un prodotto di bassa qualità ed economicamente di valore inferiore.

Non siamo pizzaioli qualsiasi

“Non rinunceremo a ciò che differenzia la nostra arte da quella di un pizzaiolo qualsiasi che non proviene dalla cultura e dal contesto partenopeo”, aggiunge ancora Miccù.

“Che la pizza cotta del forno elettrico possa essere definita vera pizza napoletana è una cosa che sovverte il disciplinare e il riconoscimento Unesco”.

Turisti in visita a Napoli e clienti in genere ora lo sanno: i disciplinari prevedono il forno a legna nelle pizzerie partenopee e se non sono cotte in essi, non sono vere pizze napoletane.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала