Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Governo approva il Family Act, Conte: per conciliare famiglia e lavoro

© Foto : CC-BY-NC-SA 3.0 IT / Filippo Attili Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri
 Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri - Sputnik Italia
Seguici su
Il provvedimento che ha ottenuto il semaforo verde contempla l'assegno universale, contributi per asili e nidi, indennità integrativa per le mamme lavoratrici, così come congedi per i colloqui con i professori.

La ministra per le Pari opportunità e la Famiglia Elena Bonetti, battutasi duramente per portare a casa questo disegno di legge, si è mostrata raggiante.

"Mai come in questo momento il Paese è chiamato a ripartire. Una visione integrata e multidimensionale è quello di cui le famiglie hanno bisogno e con la riforma appena approvata abbiamo tracciato una strada....L'Italia riparte dalle famiglie", ha dichiarato la Bonetti, che ha pubblicato i suoi interventi sui social.

​Anche il premier Giuseppe Conte ha commentato il provvedimento, evidenziandone in particolare le aree di impatto e i benifici, specie per le donne che lavorano.

"ll Family act sosterrà la genitorialità e servirà a contrastare la denatalità, favorire la crescita dei bambini e giovani e la conciliazione della vita familiare con il lavoro, soprattutto femminile".

Nella parte conclusiva della conferenza stampa, il premier Conte ha ricordato il lancio della App Immuni a partire da lunedì prossimo su tutto il territorio nazionale, sottolineandone il "rispetto rigoroso della privacy".

Conte ha poi riferito di aver firmato un nuovo Dpcm per la ripresa dal 12 giugno degli eventi sportivi a porte chiuse "nel rispetto dei protocolli elaborati dalle rispettive federazioni".

Dal 15 giugno ok alle aree gioco dei bambini e centri estivi, così come "le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo possono essere svolte a condizione che le Regioni e le Province Autonome abbiano preventivamente accertato la compatibilità dello svolgimento delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e che individuino i protocolli o le linee guida applicabili idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in settori analoghi".

Dal 25 giugno possono riprendere gli sport di contatto amatoriali, "se le regioni ma anche il ministro dello Sport e della Salute accertino che ricorre la compatibilità dello svolgimento con la situazione epidemiologica". 

Del nuovo allentamento non traggono benefici le discoteche e le sale da ballo, che restano ancora chiuse fino al 14 luglio.

La diretta della conferenza stampa del Consiglio dei ministri

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала