Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Trump come Mussolini, per l'ex inviato Usa in UE: "condividono molte cose"

© REUTERS / Tom BrennerIl presidente USA Donald Trump a bordo dell' Air Force One mentre lascia Washington per viaggiare a Guilford, nel Maine alla Jont Base Andrews, Maryland, U.S., 5 giugno 2020
Il presidente USA Donald Trump a bordo dell' Air Force One mentre lascia Washington per viaggiare a Guilford, nel Maine alla Jont Base Andrews, Maryland, U.S., 5 giugno 2020 - Sputnik Italia
Seguici su
La scorsa settimana, secondo quanto riferito, Donald Trump voleva schierare circa 10.000 soldati per "tenere le strade sotto controllo" durante le proteste a Washington, DC, scoppiante in seguito alla morte del nero americano George Floyd, per mano di un poliziotto bianco, il 25 maggio.

L'ex ambasciatore degli Stati Uniti presso l'Unione europea, Anthony Gardner, ha paragonato il presidente Donald Trump al dittatore italiano che si alleò con Adolf Hitler, durante la Seconda guerra mondiale.

"Per un paio d'anni, sono stato turbato da molte cose che Donald Trump condivide con Benito Mussolini, qualcuno da cui i miei nonni italiani sono fuggiti nel 1938", ha dichiarato questo lunedì Gardner a Politico.

Gardner ha anche menzionato la reazione di Trump alle attuali proteste negli Stati Uniti, scatenate dalla morte dell'afroamericano George Floyd, avvenuta il 25 maggio per mano di un poliziotto bianco a Minneapolis.

"È molto deludente, molto scoraggiante avere un presidente degli Stati Uniti che fomenta apertamente e incita le divisioni razziali, al fine di dare energia a parte della sua base", ha affermato Gardner.

L'intervista è seguita alle osservazioni dell'ex funzionario della Central Intelligence Agency (CIA) Marc Polymeropoulos, che ha dichiarato la scorsa settimana di essere rimasto perplesso dalle recenti immagini di Trump che reggeva una Bibbia di fronte alla Chiesa episcopale di St. John a Washington mentre la polizia locale usava la forza in un tentativo di disperdere i manifestanti nella zona.

"Mi ha ricordato ciò di cui ho parlato per anni nel terzo mondo. Saddam [Hussein]. Bashar [Assad]. [Muammar] Gheddafi. Lo hanno fatto tutti", ha twittato Polymeropoulos riferendosi agli ex leader dell'Iraq e della Libia, così come l'attuale presidente della Siria, rispettivamente. 

Il commento è arrivato dopo che Trump, la scorsa settimana, ha invitato la polizia ad andarci "duro" con i rivoltosi mentre rispondeva al tweet di un ex analista della CIA che condannava i manifestanti che lanciano cocktail Molotov agli agenti delle forze dell'ordine.

Sempre la scorsa settimana, il POTUS ha pianificato di schierare almeno 10.000 soldati per reprimere le proteste per George Floyd, a Washington DC, secondo riferito da funzionari interni menzionati dal Washington Post e dalla CBS News.

"Dobbiamo ottenere il controllo delle strade. Abbiamo bisogno di 10.000 uomini qui [a Washington]. Li voglio adesso", aveva detto Trump secondo quanto riferito in quel momento.

Manifestazioni di protesta di massa sono scoppiate negli Stati Uniti dopo che il 46enne Floyd è morto mentre era sotto la custodia della polizia, in seguito a un arresto violento. Un video mostrava il poliziotto bianco Derek Chauvin premere il ginocchio sul collo di Floyd per circa otto minuti, mentre si sentiva l'uomo afroamericano ripetere "non posso respirare".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала