Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Netanyahu esorta a “sanzioni paralizzanti” contro l’Iran

© AP Photo / Abir SultanIl primo ministro dell’Israele Benjamin Netanyahu
Il primo ministro dell’Israele Benjamin Netanyahu  - Sputnik Italia
Seguici su
Il primo ministro dello stato di Israele Benjamin Netanyahu ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardo al nucleare iraniano, invitando la comunità internazionale ad introdurre sanzioni più rigide nei confronti dell'Iran.

In precedenza l’agenzia Associated Press aveva riportato, citando un rapporto confidenziale dell’AIEA, che l'Iran ha continuato ad aumentare le sue scorte di uranio arricchito, violando l'accordo nucleare del 2015.

 “L'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) ha stabilito che l'Iran ha rifiutato di concedere agli ispettori dell'AIEA l'accesso alle strutture nascoste in cui l'Iran ha condotto le attività nucleari militari segrete. L'Iran ha sistematicamente violato i suoi obblighi e ha nascosto strutture in cui sono stati arricchiti materiali fissili. Penso che sia giunto il momento per la comunità internazionale di unirsi agli Stati Uniti e introdurre sanzioni paralizzanti contro l'Iran”, ha detto Netanyahu intervenendo alla seduta settimanale del governo israeliano.

Il premier ha affermato che la pandemia del coronavirus non impedirà all’Israele di “agire contro l’aggressione iraniana”.

“Ripeto: Israele non permetterà all'Iran di ottenere armi nucleari e continuerà ad agire sistematicamente contro i tentativi militari iraniani di consolidarsi sui nostri confini”, ha aggiunto.
Accordo sul nucleare iraniano del 2015 (JCPOA)

Il JCPOA è stato firmato nel 2015 da Iran, Cina, Francia, Germania, Russia, Regno Unito, Stati Uniti, insieme all'Unione Europea. L'Iran avrebbe dovuto ridimensionare il suo programma nucleare e ridurre drasticamente le proprie riserve di uranio in cambio dell’annullamento delle sanzioni. Tuttavia, nel 2018 il presidente americano Donald Trump ha annunciato il ritiro unilaterale dall'accordo, avviando la strategia di nuove, rigide, sanzioni nei confronti dell’Iran. Da quel momento l'Iran si è gradualmente allontanato da alcune delle disposizioni dell'accordo nucleare, comprese le limitazioni sui livelli di arricchimento dell'uranio.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала