Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Vasco Rossi, così truffavano i fan: bloccati dalla polizia

© Fotolia / ApopsUn temuto hacker al lavoro
Un temuto hacker al lavoro - Sputnik Italia
Seguici su
1400 fan di Vasco Rossi truffati online attraverso una falsa piattaforma di vendita ticket. La Polizia di Stato ha scoperto gli ideatori al termine di complesse indagini: 500 mila euro il bottino.

La Polizia di Stato ha scoperto un gruppo di cyber criminali che aveva in passato clonato il sito web di un importante servizio di vendita ticket online. I fatti risalgono al 2018 e coinvolgono il tour di Vasco Rossi e la vendita dei biglietti online per partecipare ai concerti.

Circa 1400 fan sono stati truffati per aver comprato i biglietti del tour su una nota piattaforma online clonata. Il ritiro effettivo del biglietto doveva avvenire presso una fantomatica biglietteria fisica posta all’esterno dei varchi d’ingresso del concerto, ma il giorno del concerto i fan hanno scoperto che in realtà non esisteva nessuna biglietteria per il ritiro del ticket e che semplicemente erano stati truffati.

La polizia si è messa sulle tracce del sodalizio di cyber criminali e dopo due anni di indagini sono riusciti a risalire alle persone che avevano creato il sistema illecito.

Una truffa ben organizzata

A indurre in errore i 1400 fan il fatto che il codice da presentare il giorno del concerto per ritirare il biglietto, arrivava a casa attraverso un corriere. Questo aveva rassicurato gli ignari truffati.

In seguito alle numerose segnalazioni la società proprietaria del sito web vivaticket.it clonato dai cyber criminali, ha presentato denuncia alla polizia di Bologna dove quest’ultima ha sede.

Le indagini della polizia hanno scoperto ben 8 siti cloni creati per ingannare gli utenti e indurli ad acquistare i falsi ticket per i vari concerti del tour di Vasco Rossi.

In totale i criminali hanno incassato illecitamente mezzo milione di euro.

In sei in carcere

Le complesse indagini hanno portato in carcere tre persone del Veneto che facevano da prestanome per gli ideatori della truffa e due insospettabili professionisti sardi che erano al vertice dell’organizzazione criminale.

Come difendersi

Prima di acquistare i ticket di un concerto è buona norma accertarsi che il sito internet sia davvero quello ufficiale.

Verificare che ci sia un numero di telefono e contattare l’assistenza clienti attraverso quel numero, ma anche verificare in rete se altre persone hanno usato quel sito web e farsi raccontare la loro esperienza.

Effettuare una verifica della partita Iva, che deve essere presente sul sito, attraverso il tool dell’Agenzia delle Entrate da cui deve risultare una partita Iva esistente e attiva.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала