Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scienziati prevedono un’estate anomala. E per la Russia?

© Foto : PixabayIllustrazione raffigurante il riscaldamento globale
Illustrazione raffigurante il riscaldamento globale - Sputnik Italia
Seguici su
L’Organizzazione meteorologica mondiale prevede un’estate molto calda. Ma dovremo aspettarci anche molte precipitazioni.

Questo tempo anomalo incrementerà di alcune volte la mortalità sul nostro pianeta. Sputnik vi riporta le previsioni climatiche per il pianeta e per la Russia.

Il pianeta si scalda

È molto probabile che l’estate 2020 sarà ricordata a lungo: afa nell’emisfero boreale, siccità in alcuni luoghi, inondazioni in altri. Le zone più colpite dalle precipitazioni saranno Australia, Indonesia e i Paesi dell’area orientale dell’Oceano Indiano. Mentre l’America meridionale e il Sud-Est asiatico saranno interessati da una siccità mai vista prima.

Inquinamento dell'ambiente - Sputnik Italia
Riscaldamento climatico inevitabile: esperto spiega perché

Queste sono le previsioni della Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) per i mesi di maggio, giugno e luglio. Le conclusioni sono state tratte a partire dai dati raccolti da 13 centri di previsioni a lungo termine siti in varie aree del pianeta.

Gli esperti dell’OMM hanno messo a punto una simulazione climatica dell’imminente estate e hanno messo a confronto i risultati con i grafici che raccolgono le osservazioni meteorologiche effettuate tra il 1993 e il 2009.

È emerso che questa estate sarà anomala. L’acqua degli oceani si scalderà più del solito. Da un lato, questo potrebbe contribuire alla formazione di potenti cicloni tropicali e, dall’altro, all’afa sulla terraferma, in particolare ai tropici e nei Paesi dell’emisfero boreale.

Questo aprile è stato il più caldo in tutta la storia delle osservazioni. Le temperature globali di gennaio, febbraio e marzo sono state anch’esse tra le più alte, ricordano gli esperti dell’OMM.

Oceano Pacifico - Sputnik Italia
"Cinque bombe atomiche al secondo": scienziati rivelano la velocità di riscaldamento degli oceani

Inoltre, ci aspettano abbondanti precipitazioni, ma non ovunque: mentre l’Australia sarà letteralmente inondata; Africa, Sud America, India, Pakistan e Bangladesh si dovranno preparare alla siccità.
Come osservano gli autori del rapporto, una delle ragioni di queste anomalie è il riscaldamento climatico.

Gli afosi 2000

Secondo la Direzione nazionale statunitense per gli studi oceanografici e atmosferici (NOAA), vi è il 75% di probabilità che quest’estate sarà la più calda nella storia delle osservazioni o comunque tra le prime cinque più calde. Analizzando le temperature mensili medie su un arco di tempo di 40 anni, gli scienziati hanno simulato circa 10.000 possibili scenari climatici per i mesi di giugno, luglio e agosto. Tre quarti dei modelli simulati prevedono che quest’estate sarà più calda di quella del 2016 che già era considerata da record.

Simili risultati sono stati ottenuti dagli esperti del Servizio relativo ai cambiamenti climatici di Copernicus, finanziato dall’UE. Queste simulazioni mostrano che nei mesi di giugno, luglio e agosto la maggior parte dei Paesi europei dovrà affrontare un clima molto afoso e secco.

Negli ultimi 150 anni la temperatura europea è cresciuta di circa 2°C a fronte di un +1,1°C a livello globale. E 11 delle 12 annate più calde in assoluto si sono verificate all’inizio del XXI secolo. L’annata più calda è stata il 2019. Tuttavia, stando alle temperature medie, è altamente probabile che il 2020 superi il 2019, secondo gli scienziati.

Riscaldamento globale - Sputnik Italia
Climatologo spiega perché in Russia il riscaldamento è il più veloce nel mondo

Un’estate in fiamme

In Russia il clima si sta riscaldando a un ritmo 2,5 volte maggiore rispetto a quello mondiale, secondo gli esperti di Rogidromet. Pertanto, già verso la metà del secolo le temperature atmosferiche medie annue subiranno un aumento significativo.

L’inverno passato in Russia, così come in molti altri Paesi del mondo, è stato il più caldo in tutta la storia delle osservazioni strumentali. C’è stata poca neve, si è staccata abbastanza presto senza dare la possibilità al terreno di congelare in profondità come avviene di solito. Inoltre, quest’anno il mese di marzo è stato eccezionalmente caldo. Proprio per questo gli esperti prevedono che in alcune regioni, fra cui Mosca e la regione circostante la capitale, i mesi di giugno, luglio e agosto saranno molto caldi con più di 30 gradi di giorno.

Gli scienziati dell’Istituto di ricerca sui problemi della difesa e delle emergenze ritengono che nelle regioni di Vladimir, Ryazan, Mosca, Tver e Nizny Novgorod potrebbero prendere fuoco le torbiere. Tuttavia, grazie al freddo e piovoso maggio gli incendi potrebbero essere meno estesi rispetto al 2010.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала