Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il 2020 non è stato un buon anno: Francia produrrà disinfettante per le mani dal vino invenduto

© Foto : CC0/PixabayVini toscani
Vini toscani - Sputnik Italia
Seguici su
Lo spostamento della produzione aiuterà a ricostituire le scorte di disinfettante per le mani, a salvare il settore vinicolo dallo spreco dei resti del raccolto dell'anno scorso e a creare un'altra fonte di reddito per i produttori colpiti dal coronavirus.

I produttori di vino francesi trasformeranno le scorte invendute in disinfettante per le mani ed etanolo per svuotare le cisterne per il nuovo raccolto, ha affermato il sindacato agricolo FranceAgriMer.

Da venerdì, 33 distillerie sono state autorizzate a raccogliere il vino per la distillazione, un processo necessario per separare l'alcool dall'acqua, ha detto ai giornalisti il ​​capo della filiale del vino dell'agenzia, Didier Josso.

I produttori di vino avranno tempo fino al 19 giugno per applicare il nuovo regime di produzione e indicare la quantità di vino che vogliono distillare. Verranno pagati 78 euro per ettolitro se il vino è certificato come proveniente da una regione specifica e 58 euro in caso contrario.

Si stima che l'industria del vino francese abbia un surplus di tre milioni di ettolitri, dopo che le esportazioni negli Stati Uniti si sono dimezzate a causa delle tariffe di importazione del 25% di Donald Trump da ottobre e quindi la domanda altrove è diminuita a causa della chiusura di bar e ristoranti a causa della pandemia di coronavirus.

L'Unione europea finanzierà la distillazione di due milioni di ettolitri, ha confermato Josso.

"Il vino distillato in nessun caso deve essere usato per fare liquori", ha detto, come citato da AFP. "Probabilmente sarà necessario stoccare anche l'etanolo, ma i volumi saranno meno significativi rispetto al vino".

Anche l'Australia, la Spagna e l'Italia si muovono nella stessa direzione

Alcuni viticoltori in Australia e in Spagna, altre due importanti nazioni produttrici di vino, hanno già iniziato a trasformare il loro stock in eccesso in gel disinfettante per le mani. L'associazione agricola italiana ha chiesto al governo di consentire ai viticoltori di trasformare l'eccesso di vino in disinfettante; spera di raccogliere e distillare tra 1,5 milioni e 2 milioni di ettolitri di vino e spera di ottenere il via libera entro la fine di giugno.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала