Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Morte George Floyd, Papa Francesco: nessuna tolleranza per razzismo ma violenza è autolesionista

© Sputnik . Servizio Fotografico Vaticano / Vai alla galleria fotograficaPapa Francesco ha riaperto le celebrazioni liturgiche con i fedeli dando inizio al rito presso la tomba di Giovanni Paolo II in occasione del centenario della nascita del pontefice polacco, nella Basilica di San Pietro
Papa Francesco ha riaperto le celebrazioni liturgiche con i fedeli dando inizio al rito presso la tomba di Giovanni Paolo II in occasione del centenario della nascita del pontefice polacco, nella Basilica di San Pietro - Sputnik Italia
Seguici su
Papa Francesco ha parlato delle violente proteste negli Stati Uniti scoppiate per la morte di George Floyd affermando che non si può pretendere di difendere la santità di ogni vita umana e chiudere un occhio sul razzismo ed esclusione.

Il Papa ha fatto una preghiera per George Floyd, l’afroamericano di 46 anni che è morto a Minneapolis il 25 maggio durante il suo arresto, e ha condannato tutte le forme di razzismo, e la violenza che ha seguito la morte dell’uomo in diverse città degli Stati Uniti. 

Il Papa ha fatto tali dichiarazioni alla fine dell'udienza generale, nei saluti ai credenti di lingua inglese collegati attraverso i media alla Biblioteca del Palazzo Apostolico:

“Cari fratelli e sorelle degli Stati Uniti, (...) , non possiamo tollerare o chiudere un occhio su qualsiasi tipo di razzismo o esclusione e fingere di difendere la santità di ogni vita umana. Allo stesso tempo, dobbiamo ammettere che “la violenza delle ultime notti è autodistruttiva e autolesionista. Nulla si guadagna con la violenza e tanto si perde. Oggi mi unisco alla Chiesa di St. Paul e Minneapolis e di tutti gli Stati Uniti per pregare per il resto dell'anima di George Floyd e tutti coloro che sono morti a causa del peccato del razzismo. Preghiamo per il conforto delle famiglie e degli amici cordiali e preghiamo per la riconciliazione nazionale e la pace per cui stiamo lottando”. 

Le parole di papa Francesco sono state precedute dai discorsi dei vescovi statunitensi che hanno espresso la loro comprensione dell'indignazione della comunità afroamericana, e che la violenza sia autodistruttiva. 

Ora la situazione delle proteste in USA è molto grave con situazioni di guerriglia urbana e saccheggi in molte città degli Stati Uniti. Le proteste hanno portato alla morte e al ferimento di diverse persone, sono state arrestate più di 4000 persone ed è stato imposto il coprifuoco in quasi 40 città.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала