Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mattarella nomina Cavalieri della Repubblica gli eroi del Covid-19

© Foto : Foto di Paolo Giandotti - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della RepubblicaCodogno- Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della visita a Codogno, 2 giugno 2020.
Codogno- Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della visita a Codogno, 2 giugno 2020. - Sputnik Italia
Seguici su
Il presidente Mattarella conferisce il titolo di Cavaliere al merito della Repubblica italiana un primo gruppo di donne e uomini che si sono distinti durante l'emergenza sanitaria.

Arrivano le prime onoreficenze a favore di chi si è speso durante le fasi più dure dell’emergenza sanitaria in Italia. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha insignito dell’onoreficenza di Cavaliere al merito della Repubblica italiana un primo gruppo di cittadini che hanno rivestito diversi ruoli nella lotta alla pandemia.

Tra gli insigniti ci sono persone che svolgono professioni che si sono particolarmente distinte nel servizio alla comunità durante l’emergenza del nuovo coronavirus.

“I riconoscimenti, attribuiti ai singoli, vogliono simbolicamente rappresentare l’impegno corale di tanti nostri concittadini nel nome della solidarietà e dei valori costituzionali”, scrive in una nota il Quirinale.

Tra le prime ad essere state insignite ci sono le dottoresse Annalisa Malara e Laura Ricevuti che tra le prime curarono il paziente 1 di Codogno. La dottoressa Malara in particolare è l’anestesista di turno che associò il caso del paziente 1 al Sars-Cov-2, ha quindi avuto il merito di aver fatto capire che in Italia il virus era presente e stava operando sotto traccia.

Maurizio Cecconi, professore anestesista dell’Università Humanitas di Milano è stato definito dalla rivista Jama dei emdici americani, “uno dei tre eroi mondiali della pandemia”.

Mariateresa Gallea, Paolo Simonato, Luca Sostini “sono i tre medici di famiglia di Padova che volontariamente si sono recati in piena zona rossa per sostituire i colleghi di Vo’ Euganeo messi in quarantena”.

Don Fabio Stevenazzi “del direttivo della Comunità pastorale San Cristoforo di Gallarate (VA) è tornato a fare il medico presso l’Ospedale di Busto Arsizio”.

Ma sono svariate decine le persone che hanno ricevuto l’onoreficenza e molte altre la riceveranno in futuro.

Al presidente della Repubblica è stato chiesto da numerosi cittadini anche di insignire l’Ordine dei medici e degli infermieri della Medaglio d’oro al valor civile.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала