Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Turismo, la Grecia riapre all'Italia ma quarantena per chi proviene da quattro regioni

© Fotolia / NeirfyLa veduta serale sull'isola Santorini nel mar Egeo in Grecia.
La veduta serale sull'isola Santorini nel mar Egeo in Grecia. - Sputnik Italia
Seguici su
Dopo lo scontro acceso con Roma, la Grecia fa un passo indietro e riapre la frontiera anche all'Italia, seppur mantenendo alcune condizioni di sicurezza per evitare un'ondata di contagi.

Dal 15 giugno la Grecia riaprirà i confini, i turisti potranno arrivare all'aeroporto di Atene e Salonicco e entrare nel Paese senza doversi sottoporre a una quarantena. Per alcuni Paesi in fase acuta dell'epidemia, come Belgio e parte di GB, Svezia, Olanda, le frontiere restano chiuse. 

La spiaggia, Atene - Sputnik Italia
Grecia accoglierà turisti da 29 paesi, ma non dall'Italia
L'Italia era stata inizialmente inserita in questa black list, ma in seguito a uno scontro con Roma, la Grecia ha fatto un passo indietro nei confronti dei turisti italiani, pur mantenendo alcune condizioni per i passeggeri provenienti da quattro regioni:

  • Lombardia
  • Venet
  • Piemonte
  • Emilia-Romagna

Chi giunge da queste regioni dovrà sottoporsi al test e pernottare una notte in un hotel designato. Se negativo resterà sette giorni in quarantena, altrimenti il periodo di isolamento previsto sarà esteso a due settimane. 

La decisione della Grecia ha mandato su tutte le furie il governatore del Veneto, Luca Zaia.

"La Grecia che mette al bando il Veneto mi pare allucinante. Mi chiedo cosa pensino i loro operatori, sono i nostri turisti che vanno lì. Sappiano che non ci vedono più", ha commentato Zaia. 

Chi resta fuori

Sino al 15 giugno tutti i voli internazionali in entrata in Grecia, dovranno atterrare all'aeroporto di Atene e i passeggeri saranno sottoposti a quarantena. Dal 15 sino al 30 giugno, verrà aperto anche lo scalo di Salonicco. I passeggeri che non provengono da un'area considerata ad alto rischio da EASA (Europian Union Aviation Safety Agency), potranno circolare liberamente, i test verranno eseguiti a campione. 

Limiti per chi viaggia su aerei decollati dagli aeroporti del Belgio, dell'area di Amsterdam, Eindhoven, Maastricht e Rotterdam, Londra, Manchester, Stoccolma, Madrid, Lisbona, per quanto riguarda i Paesi europei. Frontiere chiuse per chi arriva da Usa, Cile, Afghanistan, Iran e altri Stati colpiti dall'epidemia. 

Dal primo luglio verranno riaperti tutti gli aeroporti internazionali e i test verranno eseguiti solo su campioni, salvo ulteriori disposizioni. 

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала