Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Di Maio: "L'Italia non è un lazzaretto. Esigiamo rispetto"

Seguici su
Il ministro degli Esteri italiano ha rimarcato la disponibilità dell'Italia ad accogliere i turisti stranieri, aspettandosi che un trattamento rispettoso venga riservato anche ai vacanzieri italiani.

Nei giorni scorsi in tutto il Vecchio Continente i Paesi membri UE hanno dato il via al processo di riapertura dei confini.

Sulla questione è intervenuto oggi il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, il quale ha chiarito la sua posizione e ha sottolineato come l'Italia non possa essere considerata il 'malato d'Europa', esigendo rispetto:

"In questi giorni ne ho sentite davvero tante sull’Italia. Non mi sembra il momento di fare polemiche, ma una cosa voglio dirla chiaramente: esigiamo rispetto. Bisogna misurare sempre le parole e le azioni. Se qualcuno pensa di trattarci come un lazzaretto allora sappia che non resteremo immobili. La pazienza ha un limite. E per carità, capisco anche la competizione tra singoli Stati, è legittima, a patto però che sia sana e leale. Perché c’è un dato che rivendico con orgoglio: l’Italia è bella, unica, ha delle meraviglie pazzesche, delle spiagge fantastiche. E molto probabilmente non ha rivali.", ha scritto Di Maio nel suo post su Facebook.

L'ex leader pentastellato si è così rivolto a quei Paesi europei che hanno deciso per il momento di tenere chiuse le proprie frontiere ai turisti italiani per paura della diffusione del Covid-19.

Di Maio ha poi auspicato che propria sulla questione della riapertura dei confini possa essere trovata una soluzione a livello comunitario affinché non venga meno lo spirito UE.

Attesa la visita del ministro degli Esteri francese e tour europeo 

Il ministro degli Esteri ha poi preannunciato la visita del suo omologo francese Le Drian, il quale è atteso in Italia il prossimo 3 giugno, esprimendo soddisfazione per la scelta di visitare l'Italia come primo Paese dopo la fine del lockdown.

A questo viaggio istituzionale farà poi seguito quello dello stesso Di Maio, il quale, tra il 5 e il 9 giugno visiterà rispettivamente Germania Slovenia e Grecia.

"In questi incontri spiegherò ai miei colleghi che l’Italia dal 15 giugno è pronta a ricevere turisti stranieri e che agiremo con la massima trasparenza. La situazione interna, tutti i dati sui contagi, saranno sempre pubblici. Spiegherò loro che non accettiamo black list e che noi non abbiamo nulla da nascondere, anzi. Abbiamo sempre agito con responsabilità e trasparenza e continueremo a farlo. Ma proprio per questo, appunto, ci aspettiamo rispetto", ha concluso Di Maio.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала