Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Jabil interrompe il tavolo con ministero Lavoro e 190 posti sono a rischio

Seguici su
Jabil Italia abbandona il tavolo delle trattative quando sembrava ormai fatto l'accordo per evitare il licenziamento di 190 dipendenti dallo stabilimento di Marcianise.

Sembrava quasi fatto, dopo una notte di trattative tra ministero del Lavoro, sindacati e i rappresentanti di Jabil Italia, l’accordo per evitare il licenziamento di 190 operai presso lo stabilimento produttivo di Marcianise in provincia di Caserta.

Invece la Jabil si è ritirato dal tavolo delle trattative senza rilasciare alcuna motivazione e lasciando in bilico 190 dipendenti a cui sono arrivate le lettere di licenziamento nonostante le norme speciali previste dall’emergenza sanitaria in corso.

In realtà per il ministero del Lavoro la situazione è ben più grave perché la Jabil avrebbe non rispettato la procedura stessa in materia di licenziamenti collettivi.

Ora il ministero vuol parlare direttamente con i dirigenti statunitensi e non più con quelli della Jabil Italia.

Il nodo da sciogliere

Lo stabilimento di Marcianise è l’ex impianto Ericsson rilevato nel 2015 con 700 dipendenti.

Nei fatti, racconta Il Sole 24 Ore, la Jabil non ha mai avuto intenzione di investire sullo stabilimento casertano. In questi anni si è invece impegnata nel convincere i dipendenti a lasciare l’azienda con progetti di ricollocazione presso altre imprese che sono giunte oltre le esigenze di esubero della Jabil.

Non solo ricollocazione ma anche esodo presso altri impianti produttivi, ma solo in pochi hanno accettato.

I dipendenti non si possono licenziare

Secondo il Ministero del Lavoro, alla luce delle disposizioni vigenti non è possibile licenziare e la Jabil Italia può fare ricorso ai 5 mesi di Cig con causale Covid-19 come previsto dal Dl Rilancio.

L’accordo prevede quindi che fino a settembre sarà lo Stato a sostenere economicamente i dipendenti come già avviene per altre numerose imprese in Italia.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала