Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Truppe siriane forzano convoglio americano a fare dietrofront - Video

© AP Photo / Baderkhan AhmadConvoglio americano nelle aree petrolifere in Siria
Convoglio americano nelle aree petrolifere in Siria - Sputnik Italia
Seguici su
L'incidente è solo l'ultimo di una serie di scontri tesi ma per lo più non violenti tra civili e truppe siriane e forze di occupazione statunitensi nella Siria nord-orientale ricca di petrolio.

Le truppe dell'esercito siriano che gestiscono un checkpoint di sicurezza fuori dalla città di Tell Tamer nella provincia occidentale di al-Hasakah hanno intercettato mercoledì un convoglio di veicoli corazzati statunitensi e lo hanno costretto a a fare dietrofront, ha riferito SANA.

Un breve videoclip dell'incidente mostra un veicolo Oshkosh M-ATV dell'esercito americano con una bandiera americana montata sul retro che fa manovra e si allontana, mentre diversi militari siriani armati di fucili d'assalto camminano lentamente dietro di esso. Altri veicoli statunitensi sono visibili in lontananza.

Presidente degli Stati Uniti Donald Trump - Sputnik Italia
Trump: “Abbiamo il petrolio siriano e ci facciamo quello che ci pare”

Secondo SANA, il convoglio americano aveva intenzione di farsi strada da Tell Tamer verso il villaggio di Um al-Khair. Il motivo dello schieramento non è chiaro. Il Pentagono non ha commentato l'incidente.

Lo scontro è solo l'ultimo degli ultimi mesi di scontro nel nord-est della Siria tra civili locali e unità dell'esercito siriano da un lato e le forze statunitensi e le loro forze armate democratiche siriane alleate dall'altro, con incidenti simili segnalati regolarmente nelle ultime settimane, con gente del posto e truppe che bloccano le strade con veicoli, barriere artificiali o persino i loro stessi corpi mentre i convogli statunitensi tentano di passare. Le forze statunitensi hanno intensificato la loro presenza nella provincia di Al-Hasakah, ricca di petrolio e gas, lo scorso ottobre, dopo che il presidente Trump ha apertamente ammesso i piani degli Stati Uniti di voler "tenersi" il petrolio siriano, apparentemente per proteggerlo contro i terroristi di Daesh (vietato in Russia) e dal governo di Damasco.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала