Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Bambole sessuali per riempire lo stadio – multa record in Corea del Sud

Seguici su
La lega di calcio professionistico della Corea del Sud ha imposto una multa record ad una delle sue squadre affiliate che aveva posizionato bambole sessuali nei posti vuoti dello stadio durante una partita giocata senza spettatori a causa della pandemia di coronavirus.

L'FC Seoul è stata costretta a scusarsi questa settimana dopo che la TV e gli spettatori online hanno visto circa due dozzine di bambole del sesso sparse per lo stadio durante la vittoria per 1-0 del club sul Gwangju FC di domenica.

Gli utenti dei social media si sono lamentati delle bambole, alcune delle quali indossavano la maglia del club mentre altre esponevano simboli e cartelli di un venditore di giocattoli erotici.

Il club si è scusato per aver causato "profonda preoccupazione" ai fan, ma ha affermato che le bambole erano state consegnate a causa di un "malinteso" con il fornitore, aggiungendo di aver ricevuto assicurazioni prima della partita che non si trattasse di bambole destinate a scopi sessuali.

Giovedì, la K-League, così si chiama la lega calcio sudcoreana, ha multato l'FC Seoul con la cifra record di 100 milioni di Won (74mila Euro) affermando che il club aveva "profondamente umiliato" le fan del calcio e danneggiato la reputazione della lega come mai nei suoi 38 anni di storia.

Dopo aver esaminato il caso, i funzionari della lega hanno accettato l'affermazione dell'FC Seoul secondo la quale i responsabili non sapevano che i manichini fossero giocattoli sessuali, ma hanno affermato che "avrebbero potuto facilmente riconoscere il loro uso adottando il giusto buon senso e l'esperienza".

La lega ha dichiarato in una nota formale: "La controversia su questo incidente ha profondamente umiliato e ferito le appassionate di calcio donne e ha danneggiato l'integrità della lega".

La FC Seoul, vincitrice del campionato 2016, ha accettato la decisione, si è scusata e ha promesso di impedire la ripetizione dell'incidente.

All'inizio di questo mese la K-League è diventata la prima grande lega di calcio al mondo a iniziare a giocare dopo che la Corea del Sud è riuscita a contenere il virus. La stagione sarebbe dovuta iniziare alla fine di febbraio, al culmine dello scoppio del focolaio di coronavirus nel paese.

Gli spettatori sono banditi, tuttavia i club cercano di riempire gli spazi con cartelli, striscioni e quant’altro possa aiutare a creare una parvenza di atmosfera da stadio con persino rumori di folla diffusi dagli altoparlanti.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала