Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La Norvegia attinge dal suo fondo petrolifero per frenare la crisi Covid-19

CC0 / Pixabay / Oslo, Norvegia
Oslo, Norvegia - Sputnik Italia
Seguici su
Secondo Ola Grytten, professore di storia economica presso la Norwegian School of Economics, l'ultima volta in cui si è verificato un calo del PIL simile è stato nel 1931, durante la Grande Depressione.

La Norvegia è generalmente riluttante a prelevare grandi quantità di denaro dal suo gigantesco fondo petrolifero per il bene del bilancio statale, ma quest'anno farà un'eccezione.

Secondo una recente proposta del ministero delle finanze, la Norvegia preleverà quasi 420 miliardi di corone norvegesi ($ 41 miliardi), che supera di gran lunga i 200 miliardi di corone ($ 20 miliardi) prese negli ultimi anni ed è oltre quattro volte superiore alle somme annuali prese durante crisi finanziaria del 2009 e del 2010.

Il denaro sarà utilizzato per coprire la perdita di entrate causata dalla crisi COVID-19, ha riferito l'emittente norvegese NRK.

Secondo le stesse norme norvegesi, il paese può ritirare un massimo del 3% del valore del fondo in un solo anno. È permesso di più in tempi economicamente difficili, cosa che è stata fatta diverse volte in precedenza. La somma di quest'anno è pari a circa il 4,2% del valore del fondo, a partire dal 1° gennaio 2020.

"Il conto è enorme e spendiamo molti soldi, ma dovremmo essere chiari sul fatto che se spendiamo molti soldi ora possiamo spendere meno nei prossimi anni", ha detto il ministro delle finanze Jan Tore Sanner.

Secondo Sanner, l'alternativa è quella di affrontare ancora più fallimenti, una disoccupazione ancora maggiore e un tempo di ripresa ancora più lungo per l'economia norvegese.

Kjersti Haugland, capo economista di DNB Markets, ha sottolineato che lo stato norvegese ha iniziato ad aumentare i prelievi dal fondo petrolifero già lo scorso autunno e ha previsto un ulteriore aumento in futuro, definendo questo processo "comprensibile".

Il Ministero delle finanze prevede che l'economia norvegese si contrarrà del 4% solo quest'anno, mentre la disoccupazione salirà al 5,9%. Si prevede che entrambe le cifre saranno le peggiori dalla seconda guerra mondiale. Altre previsioni sono ancora più pessimistiche. La banca centrale Norges Bank prevede che il PIL scenderà del 5,2%, Statistics Sweden prevede un calo del 5,5%, mentre DNB Markets mette il dato al 6%.

Questa settimana, Statistics Norway ha registrato un calo del PIL dell'1,5% rispetto al quarto trimestre del 2019, con l'industria petrolifera e del gas colpita nel modo peggiore del previsto. Le famiglie norvegesi hanno ridotto i consumi del 3,6%. Di conseguenza, le importazioni sono diminuite del 4,9%, mentre le esportazioni sono diminuite del 2,4% rispetto al quarto trimestre dell'anno scorso.

Secondo le parole dell'economista Ola Grytten, che è professore di storia economica presso la Norwegian School of Economics, bisogna guardare indietro all'era della Grande Depressione e all'anno 1931 per trovare un calo simile del PIL, secondo il quotidiano Nettavisen.

Il fondo petrolifero della Norvegia

Il fondo ha attualmente un valore di mercato di circa $ 1000 miliardi. È il più grande fondo governativo del mondo e investe i ricavi dell'industria petrolifera, tra l'altro, in azioni estere e titoli a reddito fisso. Nel periodo 1998-2019, il fondo ha registrato un rendimento annuo del 6,1%.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала