Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Israele ha sviluppato un anticorpo per il coronavirus - min. Difesa

© Yuriy Strelets / Vai alla galleria fotograficaVaccinazione
Vaccinazione - Sputnik Italia
Seguici su
L'istituto di ricerca biologica militare israeliano avrebbe scoperto un anticorpo in grado di neutralizzare il nuovo coronavirus. La notizia è stata ufficializzata dal ministro della Difesa israeliano.

Il ministro della Difesa israeliano Naftali Bennett ha riferito pubblicamente che l’Istituto di ricerca biologica militare d’Israele ha sviluppato un anticorpo per la Covid-19.

Secondo quanto riportato dal The Times of Israel, l'istituto avrebbe concluso la fase di ricerca e starebbe passando al brevetto del trattamento prima della produzione di massa.

La prossima fase riguarderà la ricerca di compagnie internazionali per produrre l’anticorpo su scala commerciale.

“L’anticorpo attacca il virus in modo monoclonale e può neutralizzarlo nei pazienti malati”, avrebbe scritto il ministro in un documento, come riporta il The Times of Israel.

Passaggi mancanti

Nella dichiarazione il ministro Bennett non ha specificato se questo risultato riguarda una evoluzione nella ricerca del trattamento presentato a fine marzo o se si tratti di un altro trattamento.

Inoltre la dichiarazione, scrive ancora il quotidiano israeliano, non specifica se il trattamento è stato sperimentato sull’uomo oppure no.

La ricerca olandese

Intanto nei Paesi Bassi le Università di Rotterdam e di Utrecht hanno condotto una ricerca su un anticorpo monoclonale che starebbe dando ottimi risultati nelle fasi sperimentali in laboratorio.

La ricerca è stata pubblicata anche su Nature Communications e, secondo i suoi realizzatori, l’anticorpo è capace di bloccare le glicoproteine sulla superficie virale di Sars-CoV-2 così da bloccare il suo ingresso nelle cellule ospiti.

La ricerca in Italia

Ieri, inoltre, si sono rincorse voci su un potenziale candidato vaccino italiano che sarebbe in fase sperimentale presso lo Spallanzani. In un primo momento la società romana Takis aveva dato buone speranze sui risultati in vitro, ma nel pomeriggio una nota dell’Inmi ha chiarificato che la sperimentazione del trattamento della Takis è solo alle fasi preliminari.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала