Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La circolare del Viminale chiarisce chi sono i congiunti e come si può incontrarli

© REUTERS / Guglielmo MangiapaneL'erba nella Piazza Navona a Roma
L'erba nella Piazza Navona a Roma - Sputnik Italia
Seguici su
Chi sono i congiunti? E come potremo incontrarli? Arriva il chiarimento definitivo del Ministero dell'Interno che spiega chi sono definibili congiunti.

Nonostante ieri siano state pubblicate dal Governo le Faq che intendevano dare una chiara risposta alle domande dei cittadini alle prese con la Fase 2, il dubbio su chi sono i congiunti che possiamo andare a trovare sono rimasti.

Così questa mattina a fugare ogni ragionevole dubbio, è giunta la circolare del Ministero degli interni rivolta ai Prefetti.

Tra gli spostamenti ora ritenuti necessari e quindi “giustificati”, si considerano gli “spostamenti per incontrare i congiunti”.

Il termine congiunti ha il seguente ambito di applicazione chiarisce la misura urgente:

“la definizione ricomprende i coniugi, i rapporti di parentela, affinità e di unione civile, nonché le relazioni connotate da duratura e significativa comunanza di vita e di affetti".

Come possiamo incontrare i nostri congiunti?

Dal momento che resta in vigore il divieto di assembramento, i congiunti si potranno visitare senza creare assembramenti e mantenendo la distanza interpersonale di almeno un metro e utilizzando la mascherina.

Una colazione consegnata a roma - Sputnik Italia
Decreto di Aprile in arrivo a maggio: ecco cosa conterrà

Resta fermo il fatto che non si possono andare a trovare congiunti fuori dalla propria Regione di residenza, dal momento che vige il divieto di spostamento al di fuori della propria Regione.

Come va comprovato lo spostamento

Nel caso di spostamento per motivi di lavoro basterà il tesserino del datore di lavoro o similari, oppure una lettera del datore di lavoro che attesti i giorni e gli orari di lavoro.

Se si esce fuori Regione per motivi lavorativi o di comprovata esigenza sanitaria, in questo caso si dovrà utilizzare l’autocertificazione.

Chi rientrerà presso il proprio domicilio da un’altra Regione ora lo potrà fare con una autocertificazione, ma una volta rientrato non sarà più permesso di uscire dai confini regionali se non per comprovati motivi.

La Fase 2 entrerà in vigore il prossimo 4 maggio, facendo uscire il Paese dal lockdown grazie alla riapertura di grossa parte delle attività produttive e all'allentamento delle limitazioni alla vita sociale, pur conservando l'obbligo della mascherina per uscire e della distanza sociale.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала