Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Coronavirus, altre regioni italiane chiedono alla Russia di inviare medici militari

© Sputnik . Ministry of Defence of the Russian Federation / Vai alla galleria fotograficaMedici militari russi al lavoro nell'ospedale da campo a Bergamo
Medici militari russi al lavoro nell'ospedale da campo a Bergamo - Sputnik Italia
Seguici su
Alcune altre regioni dell'Italia hanno chiesto alla Russia di inviare medici militari per aiutare a combattere l'epidemia di coronavirus nel Paese. Lo ha comunicato l'ambasciatore russo in Italia Sergey Razov.

L'ambasciata russa in Italia ha ricevuto richieste di assistenza da parte dell'esercito russo per combattere la diffusione di COVID-19 da Piemonte, Puglia e Friuli-Venezia Giulia, ha affermato l'ambasciatore russo a Roma Sergey Razov.

Medici militari russi, epidemiologi e gli specialisti delle truppe di difesa, radiologica, chimica e biologica del Ministero della Difesa russo, insieme ai militari italiani, hanno già effettuato una completa disinfezione delle pensioni per anziani in oltre 71 comuni della Lombardia. Sono stati sanificati 79 edifici e strutture, per un totale di oltre 600 mila metri quadrati di interni e oltre 110 mila metri quadrati di strade.

"La notizia dell'eroico lavoro dei nostri militari si è diffusa in tutta Italia, riceviamo centinaia di chiamate, lettere in cui ringraziano la Russia, il Presidente della Russia, che ha risposto alla richiesta del Primo Ministro italiano e che ha prontamente inviato una divisione in pochi giorni. I capi di altre regioni d'Italia stanno già facendo richieste ufficiali per inviare truppe russe per svolgere lavori sul loro territorio. Tali richieste sono state ricevute dai governatori di Piemonte, Puglia e Friuli-Venezia Giulia. Stiamo parlando di una diffusione a livello nazionale", ha detto Razov durante un briefing online presso MIA Rossiya Segodnya.

Secondo lui, se l'esercito russo "non avesse fatto ciò che era richiesto, tali richieste non sarebbero state ricevute".

"Per quanto riguarda le opinioni degli italiani, beh, loro, come persone normali, come tutta la maggioranza assoluta in Italia: come potrebbero trattare un partner che, nella situazione più difficile, che si era sviluppata in Italia esattamente un mese fa, ha dato una mano? Mentre L'UE e la NATO, per usare un eufemismo, sono semplicemente rimasti a guardare allo sviluppo negativo della situazione", ha sottolineato l'ambasciatore.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала