Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Coronavirus: primo paziente guarito grazie a plasmaterapia in Italia, è una donna incinta

CC0 / / Blood plasma bags
Blood plasma bags - Sputnik Italia
Seguici su
Si tratta della prima volta, in Italia, in cui una donna contagiata da Coronavirus è guarita grazie al plasma fornito da due pazienti ex-Covid ormai dimessi e risultati negativi al tampone.

Il primo caso di paziente guarito da Covid-19 grazie alla plasmaterapia è avvenuto a Mantova, dove una donna incinta è stata curata con la terapia al plasma.

Si tratta di Pamela Vincenzi, 28anni, ricoverata lo scorso 9 aprile in seguito al contagio dal virus, seguendo il percorso Covid dedicato alla gravidanza, e trasferita nel reparto di Pneumologia dopo l'aggravarsi delle sue condizioni. Attraverso due sacche di plasma iperimmune prelevato da due pazienti ex-Covid ormai guariti e dimessi, la donna incinta della seconda figlia è stata curata con successo all'Ospedale di Mantova.

"Dopo la terapia con il plasma, il miglioramento è stato decisivo. I due tamponi che le abbiamo effettuato sono negativi", ha dichiarato Giuseppe De Donno, direttore della Pneumologia dell’ospedale di Mantova, in una nota dell'ospedale.

"Per proteggere il feto abbiamo evitato di ricorrere alla ventilazione assistita. Il vantaggio di una rapida guarigione consente di non mantenere il bambino in un ambiente ostile, con una scarsa ossigenazione. Dal punto di vista ecografico va tutto bene. Il feto è alla 24esima settimana" precisa Gianpaolo Grisolia, responsabile dell’Attività di Patologia Prenatale e della Gravidanza.

"Il plasma mi ha fatto rinascere, ero molto abbattuta, ma ho trovato professionisti straordinari, sempre al mio fianco. Il dottor De Donno, in particolare, mi è stato vicino come un papà", ha detto la donna che è tornata oggi a casa.

Dopo l'avvio di diversi protocolli sperimentali si conferma in Italia l'efficacia delle terapie che si avvalgono del sangue di persone guarite. Secondo l'Asst mantovana non risultano al mondo altri casi di donne in gravidanza colpite da Covid-19 trattate e guarite con l'infusione dell'emocomponente. 

I malati trattati a Mantova nell’ambito del protocollo siglato con il Policlinico San Matteo di Pavia sono stati fino ad ora 24, 50 la sacche dell’emocomponente infuse. La plasmaterapia è ancora in fase di studio come cura per i pazienti Covid-19, come precisato dal dottor Luca Richeldi, primario di pneumologia del Policlinico Gemelli e membro del Comitato tecnico-scientifico, presente insieme a Angelo Borrelli alla conferenza stampa della Protezione civile del 20 aprile.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала