Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Borrelli: 37.130 guariti (+1.695), 21.067 deceduti (+602), 104.291 casi attuali (+675)

Seguici su
Ecco gli ultimi dati sul coronavirus in Italia, diffusi dal capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa.

Il numero dei casi totali, comprensivo di malati, vittime e guariti, è salito a 162.488, con un incremento giornaliero di 2.972 unità.

Stando ai dati del bollettino quotidiano della Protezione Civile, presieduto dal Capo della Protezione civile Angelo Borrelli, è salito a 104.291 il numero dei pazienti attualmente positivi, con 675 nuovi casi, 37.130 guariti (+1695) mentre i decessi totali sono 21.067, con un aumento di 602 vittime nelle ultime 24 ore. Prosegue il calo della pressione sulle strutture ospedaliere: sono 3186 i pazienti in terapia intensiva, con un calo di 74 unità rispetto alla giornata precedente, 28.011 i pazienti ricoverati, 12 in meno rispetto a ieri, mentre 73.094 (70% del totale) si trovano in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi.

Borrelli ha comunicato che, alla data odierna, sono stati raccolti 122 milioni di euro sul conto corrente della Protezione civile, a oggi sono stati spesi 26 milioni di euro per Dpi e ventilatori. Il capo della Protezione civile ha ringraziato poi il presidente del Parlamento europeo Sassoli per le parole spese riguardo il dipartimento: "Ringrazio il presidente del Parlamento europeo David Sassoli per le belle parole avute oggi nei confronti dei volontari della Protezione Civile, ha definito il nostro volontariato come il cuore pulsante dell'Italia più bella, una risorsa a cui non possiamo rinunciare. E' proprio così e lo ringrazio per aver voluto ricordare i nostri volontari", ha commentato Borrelli.

"Sui migranti, come ho già detto, ho nominato soggetto attuatore il capo dipartimento delle libertà civili e immigrazione. Lo ringrazio, sta lavorando per individuare quelle che sono le soluzioni sia per la possibilità di fare le quarantene sulle navi che per trovare delle aree a terra. Siamo in una fase di valutazione delle misure da mettere in campo, per cui anche quelle notizie emerse in queste ore relativo all'utilizzo di una specifica nave, sono ancora al vaglio del soggetto attuatore" ha affermato Borrelli riguardo il caso di Alan Kurdi e delle altre situazioni con i migranti.

"I ricoverati in terapia intensiva nell'arco delle ultime 4 settimane sono stati in Lombardia 3862, i dimessi 1296, i degenti attuali 1240 con un 65% di sopravvivenza. Per il Lazio, dove l'impatto è stato più contenuto, ci sono 424 pazienti, di cui 1/4 è stato dimesso e l'altro 1/4 e degente, ma con lo stesso tasso di sopravvivenza. [...] La severità dei malati, indipendentemente dai numeri, è simile. Le misure hanno funzionato e funzionano bene, in modo che un impatto pur importante sia contenuto, e l'efficacia delle terapie intensive hanno garantito una sopravvivenza di tutto rispetto" ha analizzato Massimo Antonelli, Direttore Dipartimento emergenza e rianimazione del Policlinico Gemelli di Roma, l'argomento delle terapie intensive.

"E' all'esame del Cts un piano che prevede il coinvolgimento e il rafforzamento della medicina territoriale. Siamo in una fase dove la sinergia che deve esserci fra gli ospedali ed il territorio è la chiave di volta per aiutare a tutelare questa porzione della popolazione che è in bisogno di aiuto costante e duraturo", ha commentato Antonelli sulla questione dell'assistenza domiciliare e quella ai disabili.

"Il comitato di esperti fornirà il proprio contributo nei tempi necessari per consentire di prendere le ulteriori decisioni da parte del governo. Non può che essere il governo e il presidente del Consiglio a prendere le decisioni. La pandemia ha dimostrato a livello mondiale che bisogna dare una risposta sui diversi settori della nostra vita: non solo l'aspetto sanitario, l'operatività, ma anche la parte sociale e economica. La scelta del governo di nominare questo comitato è stata giusta: sono questioni che attengono interessi essenziali della nostra collettività che devono essere decisi al massimo livello, con un coordinamento con le Regioni" ha concluso Borrelli rispondendo ad una domanda riguardo le tempistiche e i nuovi passi da fare a livello nazionale.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала