Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Migranti, a Pozzallo un barcone con 101 migranti in pieno lockdown

© AP Photo / Alessandro Di MeoAgenti della Guardia di finanza soccorre i migranti al largo delle coste della Libia
Agenti della Guardia di finanza soccorre i migranti al largo delle coste della Libia - Sputnik Italia
Seguici su
Nonostante il blocco totale e i controlli rinforzati per il weekend di Pasqua, un gommone con quasi 100 migranti è sfuggito ai controlli ed è sbarcato poche ore fa a Pozzallo, nella Sicilia sud-orientale.

Sono tutti maschi i 101 passeggeri del barcone intercettato da una motovedetta della guardia costiera, questa mattina a 3 miglia da Pozzallo. Tra questi ci sono alcuni minori. La Capitaneria di porto ha proceduto con le operazioni di sbarco, trainando il gommone all'interno del porto. 

I migranti sono stati sottoposti ai controlli sanitari e si troverebbero in buone condizioni. Il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna, dovrà provvedere assieme al Prefetto a trovare un collocamento per le persone sbarcate. L'hotpost cittadino non è disponibile perché c'è un caso di positività al nuovo coronavirus, un minore egiziano di 15 anni che si trova in isolamento. Provvisoriamente verranno trasferiti in un centro in provincia.

Lo sbarco durante il lockdown

Migranti sulle coste del mar Mediterraneo - Sputnik Italia
Sea Watch: quattro gommoni nel Mediterraneo, uno si è capovolto
La notizia dello sbarco è stata oggetto di forti polemiche sui social, a causa delle dure misure di contenimento per il coronavirus e il rafforzamento dei controlli nel week end di Pasqua e Pasquetta che ha costretto milioni di italiani in casa e lontani dalle famiglie. 

Sulla vicenda è intervenuto anche il leader della Lega, Matteo Salvini, che sul suo profilo twitter ha scritto: "Italiani chiusi in casa, clandestini liberi di sbarcare".

​La strategia degli scafisti

L'8 aprile il ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, con un decreto firmato anche dai ministri dei Trasporti Paola De Micheli, degli Esteri Luigi Di Maio e della Sanità Roberto Speranza, ha dichiarato i porti italiani non sicuri a causa dell'epidemia da coronavirus, fermando di fatto gli sbarchi

Dinnanzi a questa situazione gli scafisti hanno cambiato strategia e sono tornati all'utilizzo delle cosiddette navi madre su cui sono imbarcati i migranti, 

“Bisognerà studiare una nuova azione per affrontare il cambio di strategia degli scafisti e l’idea di una nave militare al largo capace di accogliere e controllare da un punto di vista sanitario i migranti potrebbe essere la soluzione migliore” ha dichiarato il sindaco Ammatuna alla stampa locale.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала