Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Commissario Arcuri, la normalità solo con il vaccino per il coronavirus

© Sputnik . Ramil Sitdikov / Vai alla galleria fotograficaInfermiera si prepara a somministrare il vaccino contro il morbillo a Mosca
Infermiera si prepara a somministrare il vaccino contro il morbillo a Mosca - Sputnik Italia
Seguici su
Il commissario per l'emergenza Domenico Arcuri spiega che la piena normalità si avrà solo con il vaccino e che per ora l'unico antidoto a Sars-CoV-2 è la distanza sociale. Pronti per la Fase 2.

Il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri è pacato come sempre ma chiaro, il ritorno pieno alla normalità avverrà solo quando avremo il vaccino.

“Fino ad allora abbiamo un solo antidoto: noi stessi, i nostri comportamenti”, non vi è altra cura che possa tenere lontano da noi un virus insidioso che oggi ha fatto totalizzare oltre 100mila morti in tutto il mondo, di cui 18.849 solo in Italia.

Come preannunciato ieri dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa, si lavora alla fase 2 della ricostruzione dell’economia nazionale.

Una fase in cui, però, ricorda Arcuri, dovremo evitare che il contagio ritorni a farsi vivo e mortale come stiamo sperimentando sulla nostra pelle in queste settimane, ormai diventati mesi.

Vaccino - Sputnik Italia
Quando anche arrivasse il vaccino, ce ne sarebbe per tutti?

Vietato sbagliare l’uscita dalla Fase 1 avverte il commissario straordinario. Ci si prepara alla Fase 2, ma la cautela è massima e bisogna evitare a tutti i costi la ricaduta.

Bisogna portare gradualmente il Paese fuori “da questa tragedia”, ma bisogna farlo davvero senza affrettare passi che potrebbero farci ruzzolare indietro, con il rischio poi di dover istituire nuovi e più stringenti misure di distanziamento sociale.

Mascherine e tamponi distribuiti

Il commissario Arcuri parla anche delle mascherine distribuite, pari a 31 milioni, ovvero circa 4,4 milioni di mascherine al giorno.

Per quanto riguarda i tamponi, afferma che sono stati acquisiti 2,5 milioni di tamponi che saranno presto distribuiti alle Regioni, anche in funzione dell’attivazione della Fase 2.

Accanto ai tamponi servono ora i reagenti con cui si individua il nuovo coronavirus eventualmente presente sul tampone. Sono in corso grandi sforzi perché il reagente è in fase di produzione in grandi quantità.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала