Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Medici penalizzati, decreto liquidità blocca indennità 600 euro

© AFP 2021 / Piero CruciattiI medici all'ospedale di Bergamo
I medici all'ospedale di Bergamo - Sputnik Italia
Seguici su
I medici e gli odontoiatri ringraziati con lo stralcio dell'indennizzo da 600 euro. A loro che rischiano la vita in corsia non saranno riconosciuti, nemmeno agli specializzandi.

“Il decreto legge ‘Liquidità’ blocca il pagamento dell’indennizzo di 600 euro a tutti i medici e agli odontoiatri.” Lo denuncia in un comunicato stampa Fnomceo, la Federazione dei medici e odontoiatri.

“La norma ha infatti cambiato le condizioni per l’accesso al beneficio statale, riservandolo ai soli professionisti iscritti esclusivamente a un ente di previdenza”, scrivono.

In questo modo, il decreto liquidità, denuncia la Federazione, ha bloccato ben 25.262 bonifici che stavano per essere inviati “già da domani ai medici e agli odontoiatri che ne avevano diritto.”

“Grazie a questa norma dobbiamo dire ai nostri iscritti che tutti i pagamenti sono congelati e che nella migliore delle ipotesi li riceveranno dopo aver integrato la domanda con un’ulteriore autocertificazione”, riferisce Alberto Oliveti presidente di Enpam.

Un bel regalo di Pasqua da parte del Governo

“Agli specializzandi e ai dipendenti, magari part time, che in questo momento stanno rischiando la vita, è andata anche peggio, perché per loro l’indennizzo di 600 euro è cancellato del tutto. Davvero un bel modo per ringraziare i medici e augurare loro buona Pasqua”, rincara la dose Oliveti.

Ad aver cambiato le carte in tavola è l’articolo 34 del decreto legge 23/2020, che blocca gli specializzandi perché costretti a pagare la gestione separata Inps sulle loro borse di studio. Bloccati gli indennizzi anche per i medici in pensione rientrati in servizio, perché appunto ricevono già la pensione.

Medici e odontoiatri penalizzati

“I medici e gli odontoiatri sono stati penalizzati anche sul fronte del decreto legge “Cura Italia” che è in via di conversione”, scrive Fnomceo perché è stato bocciato “l’emendamento che avrebbe detassato gli aiuti che l’Enpam concede utilizzando propri fondi”

“Per i nostri liberi professionisti abbiamo deliberato mille euro al mese per tre mesi. Per come stanno attualmente le cose, e sempre che ci concederanno di erogarli, i medici e i dentisti dovranno pagare le imposte su questi mille euro, anche se derivano da un patrimonio già tassato. Una sorta di anatocismo di Stato. Di certo un’ingiustizia, che speriamo venga corretta”, concludeo Fnomceo nel suo comunicato stampa.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала