Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Coronavirus, anticorpi si sviluppano in 10 giorni e durano 6 anni se come Sars – Ricerca

© Sputnik . Evgeny Epanchintsev / Vai alla galleria fotograficaCoronavirus in Russia
Coronavirus in Russia - Sputnik Italia
Seguici su
Uno studio italiano prova a capire dopo quanto tempo si sviluppa l'immunità al nuovo coronavirus e per quanto tempo dura la sua efficacia nel corpo umano. La ricerca fa ben sperare.

Il tema sullo sviluppo degli anticorpi da parte di chi contrae il nuovo coronavirus, è un argomento che interessa non solo la scienza ma anche le autorità di governo per le sue ricadute sociali sulla riapertura delle attività e la libera circolazione delle persone sul territorio nazionale.

Ora interviene uno studio preliminare condotto dal biochimico clinico Mario Plebani, ex presidente della Scuola di medicina di Padova, e ripreso dall'Ansa, secondo cui su 131 accertamenti completati in 35 giorni il suo team di ricerca sarebbe riuscito a definire al 100% il movimento delle immunoglobuline IgG, che sono quelle che indicano la reazione degli anticorpi al virus nella fase più avanzata della malattia.

I test non sono completi e ne serviranno ben 100mila per avere una maggiore accuratezza, tuttavia dalla prima fase preliminare si evince che tutti i casi analizzati hanno mostrato uno sviluppo della risposta immunitaria al virus entro 10 giorni dal contagio.

L'immunizzazione potrebbe durare 6 anni

Il professore Plebani ipotizza che se la risposta immunitaria alla malattia Covid-19 è analoga a quella della Sars del 2002-2004, allora gli anticorpi agiscono fino a 6 anni e in quantità decrescente dopi i primi 3 anni.

Infatti il nuovo coronavirus è molto simile a quello della epidemia del 2002 – 2004, tanto che il suo nome scientifico è Sars-CoV-2.

La patente di guarigione

Il professore è uno di quelli che lavora alla ‘patente di guarigione’ che il governatore Zaia vorrebbe istituire nella Regione Veneto, per consentire a chi ha contratto la malattia ed è guarito (due tamponi risultati negativi) di poter tornare subito a lavorare.

La patente di guarigione servirebbe in un certo senso anche a dire che quella persona è ormai immune e contribuisce all’immunità di gregge nel contesto lavorativo.

Ma il vaccino è la risposta più efficace ad ogni esigenza presente e futura, e si spera arrivi presto.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала