Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La metà della popolazione svedese sarà infettata da COVID-19 ad aprile - Esperto

CC0 / / Gamla Stan, a Stoccolma, in Svezia
Gamla Stan, a Stoccolma, in Svezia - Sputnik Italia
Seguici su
Il professore Tom Britton dell'Università di Stoccolma ha dichiarato che si sarebbe "scommesso la casa" che al momento nel paese nordico sono ci sono tra i 250.000 e il milione e mezzo di infetti.

Secondo Tom Britton, professore di statistica matematica all'Università di Stoccolma, specializzato nel simulare il comportamento delle malattie infettive in una popolazione, crede che aprile sarà il mese di massima espansione del coronavirus.

"Questa malattia è così contagiosa che oltre la metà della popolazione svedese sarà infettata entro la fine di aprile. Successivamente, la diffusione dell'infezione non si fermerà, ma rallenterà leggermente, in modo che circa i due terzi (della popolazione) sarà infettato entro la fine di maggio”, ha detto Britton all'emittente nazionale svedese SVT.

Britton ha detto che si "scommetterebbe la casa" che al momento nel paese ci sono tra i 250.000 e il milione e mezzo di infetti. Ciò è in netto contrasto con il conteggio ufficiale di 5.568 malati.

Ciò significa, secondo Britton, che in aprile è giunto il momento per gli anziani e i gruppi a rischio di rimanere a casa ed evitare i contatti sociali.

“Se uscirai ad aprile, forse una persona su dieci sarà contagiosa. Ciò significa che devi solo incontrare dieci persone per poter correre un rischio abbastanza elevato di essere infettato. Se fai la stessa cosa a fine maggio o giugno, tuttavia, non correrai affatto lo stesso rischio", ha detto Britton.

Jan Albert, professore di controllo delle malattie infettive presso l'Istituto Karolinska, ha dichiarato che mancavano dati conclusivi, dato che finora sono stati disponibili pochi test per la popolazione generale, ma ha definito le proiezioni di Britton "per niente irragionevoli". Albert prevede inoltre che l'infezione raggiunga il picco in aprile.

“In questo momento la maggior parte delle persone si aspetta una diffusione attiva dell'infezione, che si sta dirigendo verso una sorta di picco. Che si tratti di un singolo picco o se ne arriveranno altri, non lo sappiamo”, ha affermato Albert.

Nel contrastare l'epidemia di coronavirus, la Svezia è stata a lungo un'eccezione nell'UE, non imponendo blocchi e quarantene, suggerendo solo restrizioni volontarie basate sul cosiddetto "modello svedese" in cui si presume che i cittadini possiedano un profondo rispetto per le autorità. A parte alcune restrizioni, come un limite alle riunioni di oltre 50 persone, la Svezia continua a funzionare come al solito, con licei e scuole materne ancora aperte.

Mentre il numero di persone infette è paragonabile ai vicini, la Svezia ha visto 308 morti, la maggior parte dei quali nella fascia di età 80-90. Tuttavia, questo è più di dieci volte il dato registrato nella vicina Finlandia (19 morti).

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала