Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Consigli del medico: clorochina non può essere assunta senza prescrizione medica, può causare cecità

CC0 / Pixabay / FARMACI
FARMACI - Sputnik Italia
Seguici su
In precedenza era stato affermato dai medici cinesi che la clorochina poteva aiutare a combattere l'infezione da coronavirus.

In un commento su TV Pink, la direttrice del fondo serbo per la sicurezza sanitaria, Sanja Skodric, ha affermato che gli esperti cinesi hanno raccomandato la clorochina come uno dei farmaci che aiutano contro l'infezione da coronavirus e che hanno sottolineato che ce né abbastanza e che i cittadini non devono fare scorte.

“Devo avvertire i cittadini che la clorochina non dovrebbe mai essere presa senza prescrizione . Questo medicinale viene anche usato nel trattamento della malaria, dell'artrite reumatoide e del lupus eritematoso sistemico. Inoltre il dosaggio per queste malattie e per COVID-19 non è lo stesso", afferma Skodric.

Avverte che una quantità eccessiva del farmaco può causare cecità, insufficienza renale in pazienti cronici e danni ad altri organi, ha dichiarato Skodric su TV Pink.

In precedenza Donald Trump aveva consigliato questo farmaco come possibile cura contro il coronavirus, secondo quanto riportato da Bloomberg

Cos'è la clorochina

L'idrossiclorochina è un farmaco antimalarico ed è utilizzato anche nella terapia dell'artrite reumatoide e del lupus eritematoso sistemico.

Secondo uno studio francese questo principio attivo darebbe risultati positivi contro il COVID-19.

Gli scienziati francesi hanno condotto i primi test clinici sull'efficacia dell'idrossiclorochina da sola e in combinazione con l'azitromicina antibiotica per il trattamento del COVID-19. La ricerca è stata condotta presso il Méditerranée Infection Hospital dell'Università di Marsiglia.

Lo studio ha coinvolto 36 pazienti adulti, con e senza sintomi COVID-19, per i quali l’infezione di SARS-CoV-2 era stata confermata dal campione rinofaringeo. Dai pazienti che non hanno accettato di assumere nuovi farmaci, è stato ricavato un gruppo di controllo di 16 persone, che hanno continuato, come prima, a prescrivere un trattamento sintomatico e antibiotici per prevenire la superinfezione batterica.

Già il quinto giorno, in tutti e sei questi pazienti, i test per il coronavirus hanno prodotto risultato negativo. Cioè, tutti i pazienti con COVID-19 nel gruppo di test pare siano stati completamente guariti in cinque giorni.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала