Portavoce Affari Esteri UE risponde a Sputnik sull'accusa di disinformazione sul coronavirus

© Sputnik . Alexey Vitvitsky / Vai alla galleria fotograficaLe bandiere dell'UE e dei paesi membri
Le bandiere dell'UE e dei paesi membri - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
In precedenza il Financial Times ha riferito, citando un documento dell'Unione Europea, che i media russi avrebbero presumibilmente alimentato una "significativa campagna di disinformazione" contro l'Occidente per diffondere il panico sulla nuova pandemia di coronavirus e seminare diffidenza nelle misure dei governi per combattere il virus mortale.

Il portavoce principale per gli Affari Esteri dell’UE, Peter Stano, ha risposto a Sputnik riguardo la diffusione delle fake news sul coronavirus:

"Quello a cui fa riferimento il Financial Times è un documento interno che non è stato pensato né autorizzato per la pubblicazione. Pertanto non possiamo commentare il suo contenuto", ha detto.

"Documentiamo continuamente attività di disinformazione (non solo su Covid-19) da parte di vari media, inclusi il vostro ed altri appartenenti allo stesso gruppo", ha sottolineato il portavoce. 

La smentita di Mosca

Microfoni mass media russi - Sputnik Italia
Russia e l'accusa di disinformazione sul coronavirus: "reazione scontata dell'Occidente"
Le dichiarazioni secondo cui la Russia ha alimentato la campagna di disinformazione sulla pandemia di coronavirus sono infondate, ha dichiarato il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.

"Dal punto di vista del buon senso, non posso commentare questo", ha detto Peskov, osservando che il documento "non contiene un singolo esempio specifico e non un singolo collegamento a un determinato media".

Secondo lui, in questo caso "stiamo di nuovo parlando di alcune accuse infondate".

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала