Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mosca smentisce accuse che la "Russia alimenta la campagna di disinformazione sul Coronavirus"

© Sputnik . Vitaly Belousov / Vai alla galleria fotograficaUna vista del centro di Mosca
Una vista del centro di Mosca - Sputnik Italia
Seguici su
L'ossessione russofoba dell'Occidente avrebbe dovuto attenuarsi a causa della pandemia di coronavirus ma le accuse infondate continuano, ha detto il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.

Le dichiarazioni secondo cui la Russia ha alimentato la campagna di disinformazione sulla pandemia di coronavirus sono infondate, ha dichiarato il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.

In precedenza il Financial Times ha riferito, citando un documento dell'Unione Europea, che i media russi avrebbero presumibilmente alimentato una "significativa campagna di disinformazione" contro l'Occidente per diffondere il panico sulla nuova pandemia di coronavirus e seminare diffidenza nelle misure dei governi per combattere il virus mortale.

"L'obiettivo generale della disinformazione del Cremlino è di aggravare la crisi della salute pubblica nei paesi occidentali... in linea con la più ampia strategia del Cremlino di tentare di sovvertire le società europee", afferma il documento, datato 16 marzo, come citato da Reuters.

"Dal punto di vista del buon senso, non posso commentare questo", ha detto Peskov, osservando che il documento non contiene un singolo esempio specifico e non un singolo collegamento a un determinato media.

Secondo lui, in questo caso "stiamo di nuovo parlando di alcune accuse infondate".

"In teoria, nella situazione attuale, questa ossessione russofoba dovrebbe in qualche modo diminuire, ma a quanto pare questo non sta accadendo", ha aggiunto il rappresentante del Cremlino.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала