Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Borse dei paesi G20 hanno perso dal 7% al 29% in una settimana, stop vendite allo scoperto in Italia

© REUTERS / StringerBorse europee preoccupate per l'ipotesi di contagio cinese, con Parigi sotto di due punti percentuale, così come Berlino
Borse europee preoccupate per l'ipotesi di contagio cinese, con Parigi sotto di due punti percentuale, così come Berlino - Sputnik Italia
Seguici su
Le borse dei paesi G20 hanno perso in media il 19% nell'ultima settimana a causa del crollo dei prezzi del petrolio e dell'annuncio di una pandemia di coronavirus.

Nell'ultima settimana la più stabile è stata la Cina, che si sta gradualmente riprendendo dal coronavirus. L'indice Shanghai Composite, uno dei principali indici cinesi, ha perso il 7,1% dallo scorso venerdì ed è ora a 2826 punti (contro i 3042 di venerdì 6 marzo).

L'indice saudita Tadawul ha perso il 9,2%, scendendo da 7.004 a 6.357 punti.

La borsa del Messico ha visto una riduzione del 13,5% (indice BMV da 42347 a 36637), il Sud Africa del 14,9% (FTSE / JSE All Share da 52067 a 44303), l'indonesiana del 15,8% (IDX da 5520 a 4647) e quella turca del 16,1% (BIST 100 da 111654 a 93639).

L'indice KOSPI sudcoreano è sceso del 16,8% nel corso della settimana (da 2036 al 1693).

L'americano S&P 500 è sceso del 17,5% in una settimana (dal 3008 al 2471), il giapponese Nikkei 225 del 17,8% (dal 20633 al 16962).

La borsa australiana dallo scorso venerdì ha perso il 18,6% (S & P / ASX 200 da 6245 a 5081), quella indiana 19,1% (Nifty 50 dall'11259 al 9108), l'argentino il 21,0% (Merval dal 35888 al 28352).

Ma sono le borse europee quelle che hanno sofferto di più

Il FTSE 100 britannico ha perso il 20,9% (da 6613 a 5234), il tedesco DAX 22,0% (da 11748 a 9161), il francese CAC 40 23,4% (da 5276 a 4044).

La borsa russa è al terzo posto tra quelle dei paesi del G20 che hanno subito più perdite, il suo indice RTS in dollari è sceso del 25,5% nel corso della settimana (dal 1296 al 966). 

Consob blocca le vendite allo scoperto

L'Italia invece è il paese che ha in assoluto sofferto di più nell'ultima settimana: l'indice FTSE MIB è diminuito di quasi un terzo, del 29,2% (dal 21108 al 14949). 

La peggiore seduta borsistica mai registrata, e Consob, con una delibera ieri, ha deciso di vietare temporaneamente le vendite allo scoperto su 85 titoli azionari italiani. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала