Addio al narghilè nei Paesi arabi del Golfo Persico per paura coronavirus

© AP Photo / Hassan AmmarArabia Saudita
Arabia Saudita - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Il ministero della Salute del Qatar ha emesso un divieto temporaneo sul fumo di narghilè in tutti i ristoranti e le caffetterie in relazione alla minaccia della diffusione del coronavirus, si afferma in un comunicato del dicastero sanitario locale.

In precedenza il Kuwait aveva introdotto il divieto di fumare narghilé nei luoghi pubblici.

"A tutti i ristoranti e caffetterie è vietato offrire narghilè fino a comunicazione contraria come parte delle misure preventive per combattere la diffusione del coronavirus. I trasgressori saranno soggetti a sanzioni amministrative", si legge nel testo.

Fumare il narghilè è una tradizione popolare nei Paesi arabi ed i Paesi del Golfo Persico non fanno eccezione. I medici temono che i narghilè, che le persone usano, nonostante venga fornito un bocchino di plastica usa e getta sul boccaglio, potrebbero diventare fonti di diffusione del coronavirus.

Ad oggi 18 casi del nuovo coronavirus sono stati rilevati in Qatar, principalmente da persone che hanno fatto ritorno dall'Iran.

Le autorità dell'Emirato hanno chiuso le frontiere ai cittadini di 14 Paesi in cui sono stati registrati focolai di Covid-19.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала