Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Coronavirus, Giorgetti: "Sogno Salvini premier, ma solo Mario Draghi in grado di gestire la crisi"

© Sputnik . Evgeny UtkinGiancarlo Giorgetti al Congresso Federale della Lega
Giancarlo Giorgetti al Congresso Federale della Lega - Sputnik Italia
Seguici su
Per affrontare l'emergenza coronavirus c'è bisogno di un governo di salute pubblica, non di unità nazionale. Lo pensa il leghista Giancarlo Giorgetti che vedrebbe bene Mario Draghi nella gestione della crisi dovuta all'emergenza.

"Il mio sogno è quello di Salvini premier, ma il migliore in Italia per poter gestire un deficit/Pil al 5% e con un Pil al -5% è Mario Draghi. Io mi auguro che il Paese non si inchiodi, ma se ciò avverrà dovremmo chiamare al tavolo le ultime risorse intellettuali di esperienza che ha questo Paese". Lo ha detto ieri sera il vice segretario federale della Lega, Giancarlo Giorgetti, ospite a"Mezz'ora in più", su Rai Tre.

Non è la prima volta che l'ipotesi di un incarico ai vertici per Draghi viene ventilata da un leghista. Lo stesso Matteo Salvini, intervistato da Mario Giordano durante la trasmissione, aveva risposto a una domanda su l'ex presidente BCE al Quirinale con un sibillino "Why not?"

Tornando sulla situazione attuale del Paese e delle misure adottate dal governo per fronteggiare l'epidemia, Giorgetti ha commentato che le risorse stanziate per l'emergenza (oltre 7 miliardi) "sono solo l'inizio". Apprezzato l'intervento del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. 

"Quello di Mattarella è stato un intervento importante perché si tratta di una figura autorevole. Ha parlato al Paese, rassicurando gli italiani e dicendo loro che non bisogna aver paura di questa sfida e che siamo tutti portati a fare la nostra parte".

"Domani con le forze di centrodestra presenteremo le nostre proposte al governo, vedremo come ci rispondono, secondo me rispondono male", ha annunciato. "Dovere dell'opposizione - osserva Giorgetti - dare nostro contributo. Però nella cabina di regia si entra se Conte apre la porta". "Servirebbe un governo di salute pubblica o di emergenza, non di unità nazionale", ha concluso.

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала