Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Presidente Bulgaria esorta governo a non ingannare fiducia dei cittadini durante passaggio a Euro

© Sputnik . Alexei Vitvitsky / Vai alla galleria fotograficaIl Presidente bulgaro Rumen Radev
Il Presidente bulgaro Rumen Radev - Sputnik Italia
Seguici su
La Bulgaria intende partecipare pienamente agli aspetti della politica dell'Unione europea, tra cui l'adesione alla zona euro. Il presidente della Bulgaria tuttavia teme che la popolazione dovrà pagare il prezzo più alto per il passaggio all'euro.

Il presidente della Bulgaria Rumen Radev, in un momento in cui la Bulgaria intende partecipare pienamente agli aspetti della politica dell'Unione europea, tra cui l'adesione alla zona euro, solleva domande su come la Bulgaria raggiungerà questo. Egli ha espresso la speranza che il governo farà ogni sforzo per garantire che i cittadini della Bulgaria non si sentano ingannati nel processo di transizione verso l'euro.

"È molto importante per noi sapere che le azioni dei governi bulgari determineranno se l'introduzione dell'Euro sarà connessa con una reale integrazione economica e sociale o se genererà sfiducia, e questa volta il prezzo sarà nuovamente interamente pagato dai cittadini bulgari. Pertanto, mi aspetto che il governo bulgaro abbia una politica più aperta ed efficace che restituisca la fiducia dei cittadini in questo processo. Per gli argomenti degli esperti, il consenso degli esperti ha preceduto le dichiarazioni politiche", ha detto il presidente.

In precedenza, Radev ha anche ammesso che l'introduzione dell'euro può portare ad un calo del tenore di vita. In opposizione il Partito Socialista bulgaro, che occupa il secondo più grande numero di seggi in Parlamento, ha espresso indignazione per le azioni del governo. Secondo il segretario del gruppo parlamentare Dimitra Danchev, il Ministero delle finanze non fornisce tutte le informazioni necessarie per i cittadini del paese in materia di adesione al meccanismo AEC II.

La bandiera della Bulgaria e dell'UE - Sputnik Italia
Metà dei bulgari non si sente parte dell’UE
A suo parere, il partito di governo Cittadini per lo Sviluppo Europeo della Bulgaria (Gerb) ha deciso di nascosto di realizzare le loro proposte in materia di legge sulla valuta, grazie al quale può cambiare il tasso di cambio dal Lev all'Euro – su richiesta di qualsiasi paese dell'UE, Danimarca (paese non è entrata nella zona Euro, ma coinvolto nel meccanismo di AEC II) o la Banca Centrale Europea.

"Insistiamo nel prestare particolare attenzione al fatto che, in conformità con la maggior parte dei sondaggi di opinione – se non tutti – la maggior parte dei cittadini in questo momento è contro l'entrata della Bulgaria nell'Eurozona", ha detto domenica Danchev, sottolineando che il partito ha sempre sostenuto l'introduzione dell'euro nel paese.

La scorsa settimana, il premier Boyko Borisov ha promesso che la questione dell'introduzione dell'euro sarà risolta attraverso il consenso nella società.

Il vice presidente della Commissione Europea Valdis Dombrovskis ha anche detto che la Bulgaria si unirà alla sala d'attesa della zona euro non nel mese di aprile, come previsto, ma alcuni mesi dopo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала