Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Erdogan: "2 nostri militari sono morti in Libia"

© Sputnik . Ramil Sitdikov Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan - Sputnik Italia
Seguici su
Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan oggi ha dichiarato la morte di due militari turchi in servizio in Libia.

Lo scorso 21 dicembre la Turchia e il Governo di Accordo Nazionale (GNA) che risiede a Tripoli hanno stipulato un accordo che prevede la cooperazione bellica tra le parti. In seguito dopo l’approvazione dal parlamento turco del sostegno bellico a Tripoli, il 6 gennaio Ankara ha dichiarato di aver inviato i militari in Libia. Come riferito da Erdogan, in Libia sono presenti solo i consiglieri militari turchi.

"Abbiamo avuto due militari morti in Libia", ha affermato oggi Erdogan durante una conferenza stampa ad Ankara. Il presidente turco non ha, tuttavia, specificato quando è avvenuta la loro morte.

Erdogan ha dichiarato che Ankara sta conducendo le trattative con la Russia sulla situazione in Libia al massimo livello.

"Haftar è illegittimo, ma viene sostenuto da altri paesi, con armi, finanze. Siamo in contatto con la Russia sulla situazione", ha detto il capo dello Stato turco.

Guerra in Libia

Dopo il rovesciamento e l'assassinio del leader libico Muammar Gheddafi nel 2011, la Libia ha praticamente smesso di funzionare come un singolo stato. Ora nel paese ci sono due governi: il parlamento eletto dal popolo si trova a est e a ovest, nella capitale Tripoli, il governo di accordo nazionale, formato con il sostegno delle Nazioni Unite e dell'Unione europea, regola. Le autorità della parte orientale del paese operano indipendentemente da Tripoli e cooperano con l'esercito del maresciallo Khalifa Haftar.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала