Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Stati Uniti simulano un attacco nucleare contro la Russia durante esercitazioni

Seguici su
Negli Stati Uniti è stata condotta una esercitazioni che prevedeva la simulazione di un attacco preventivo nucleare russo e di una rappresaglia statunitense.

Gli Stati Uniti hanno condotto delle "piccole" esercitazioni simulando lo scenario di un attacco nucleare russo contro l'Europa e di un attacco di rappresaglia da parte degli Stati Uniti, ha detto un portavoce del Pentagono.

Secondo lui, "lo scenario delle manovre includeva una situazione di emergenza in Europa, dove c'è una guerra con la Russia, e nella quale la Russia decide di usare armi nucleari a bassa potenza limitate contro un obiettivo sul territorio della NATO".

Il portavoce del Pentagono ha aggiunto che in una situazione del genere intervengono il ministro della difesa e poi il presidente "e alla fine viene presa una decisione su come rispondere".

Durante l'esercitazione è stata simulata una rappresaglia degli Stati Uniti, durante la quale Washington "risponde con un attacco nucleare contro la Russia". Secondo lui, durante queste esercitazioni, il capo del Pentagono, Mark Esper, si è fatto un'idea di come gli Stati Uniti potrebbero reagire in una situazione simile.

I rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti hanno anche preso parte alle esercitazioni per capire come avviene "la comunicazione durante una crisi nucleare".

Un portavoce del Pentagono ha detto venerdì scorso che gli Stati Uniti non hanno in programma di dispiegare missili nucleari a bassa potenza in Europa. Ha assicurato che la "risposta americana a una violazione da parte della Russia" sarebbe non nucleare, spiegando che stiamo parlando di missili balistici di una portata consentita dal Trattato INF (Trattato sull'eliminazione dei missili a medio e a corto raggio).

All'inizio di febbraio, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato di aver invitato il segretario di Stato americano Mike Pompeo ad accettare una dichiarazione sull'inammissibilità di una guerra nucleare. Ha aggiunto che Washington ha promesso di dare presto una risposta e che ha espresso speranza per la sua positività.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала