Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sondaggi elettorali, la Lega di Salvini al 32%. Cresce il Pd, Renzi non pervenuto

© REUTERS / Guglielmo MangiapaneMatteo Salvini al Senato
Matteo Salvini al Senato - Sputnik Italia
Seguici su
Pubblicati gli ultimi sondaggi elettorali che fotografano la situazione dei partiti politici italiani. Se si votasse oggi la Lega prenderebbe il 32% dei voti e Meloni il 12%, con il Pd come alternativa al 20%.

Tutte conferme dal nuovo sondaggio politico commissionato dal Corriere della Sera ad Ipsos di Nando Pagnoncelli.

La Lega per Salvini Premier è il primo partito d’Italia con il 32% delle intenzioni di voto. Il Partito Democratico segue come secondo partito al 20% consolidando il suo ruolo di secondo partito italiano e di alternativa alla destra.

Il M5s è sempre terzo ma al 14% confermando l’erosione di consenso che sta causando al partito l’incapacità di trovare candidati consiglieri alle regionarie.

Fratelli d’Italia è dato da questo sondaggio al 12%, ma altri sondaggi elettorali lo pongono leggermente più alto in termini di consensi. Comunque è a un passo dal M5s e questo è sicuramente una conferma straordinaria che ci proviene dai sondaggi politici di questi ultimi mesi.

Forza Italia continua a svolgere il suo nuovo ruolo di partito di supporto al centrodestra di Salvini e di Meloni con il suo 6,5% di consensi.

Per quanto riguarda Italia Viva di Matteo Renzi, Ipsos lo colloca al 4,3% ma altri sondaggi elettorali collocano Iv molto più in passo (3,6%) e cioè tra i partiti che non supererebbero lo sbarramento necessario a entrare in Parlamento.

Quando si voterà in Italia per le politiche?

Mentre il centrodestra continua il pressing mediatico per mettere in qualche modo in difficoltà il governo Conte bis e costringerlo alle dimissioni così che si possa tornare al voto, nel centrosinistra Renzi sembra aver calato i toni con la richiesta di un incontro a Conte.

Anche Paolo Gentiloni da Bruxelles è convinto che questo governo non cadrà: una minaccia o un consiglio del Commissario agli Affari economici dell’Ue? Da lui dipenderebbero, infatti, eventuali avvii di procedure per debito eccessivo a carico del nostro Paese se future politiche economiche di altri governi dovessero spingere su politiche in deficit.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала