Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Torino, ancora scritte naziste a casa della figlia di un partigiano

© REUTERS / Baz RatnerStella di David
Stella di David - Sputnik Italia
Seguici su
Svastiche e la scritta "Onore a Hitler" su un adesivo attaccato al campanello di casa della figlia di un partigiano. La donna era già stata vittima di simili minacce a gennaio.

E' l'ennesimo episodio di sfregio a sfondo nazista, avvenuto a Torino e dintorni. Una scritta apologetica al nazismo è apparsa sulla porta di casa di un'abitazione torinese. Un adesivo con la scritta in caratteri runici "Onore a Hitler", una svastica e una croce celtica come firma è stato attaccato sul campanello di casa della figlia di un partigiano.

La vittima era stata oggetto di una analoga intimidazione lo scorso 30 gennaio. Gli autori del gesto avevano usato lo stesso metodo: un adesivo di carta sul campanello recante l'inequivocabile scritta nazista "Sig Heil". Sugli episodi sta indagando la digos. 

Polizia - Sputnik Italia
Volevano costruire un partito simil-nazista, operazione della Digos in tutta Italia
Non si tratta di casi isolati. Sono diversi gli episodi che si susseguono da fine gennaio e che potrebbero essere connessi fra di loro. Proprio a ridosso del giorno della Memoria, il 24 gennaio, a Mondovì, sulla porta di casa di una ex deportata, Lidia Beccaria Rolfi, era apparsa la scritta "Juden hier", accompagnata da una stella di David.

Un episodio analogo si è verificato a Torino, il 9 febbraio, quando è apparsa una scritta simile, "Jude" e la stella di David, sulla porta di casa di Marcello Segre, volto noto dell'associazionismo torinese. Il secondo atto di antisemitismo in poche settimane, accaduto in Piemonte.

Precedentemente, sulla porta di casa di una attivista Anpi erano comparse alcune scritte naziste, accompagnate da rune e svastiche, mentre il 27 gennaio era apparsa sul muro di casa della figlia di una staffetta partigiana la scritta "Crepa sporca ebrea". 

L'attività dei gruppi neonazisti torinesi

Non è la prima volta che la città di Torino è protagonista di vicende che coinvolgono gruppi di ispirazione nazista. Lo scorso luglio 2019, un vero e proprio arsenale da guerra era stato sequestrato dalla Digos di Torino in uno delle abitazioni di alcuni esponenti dell'estrema destra.

​Tra le armi c'era anche un missile terra-aria. Erano stati ritrovati anche alcuni stendardi recanti le effigi naziste e materiale di propaganda. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала