Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Caso Zaky: il ricercatore egiziano resta in carcere

© Foto : Social mediaPatrick George Zaki, ricercatore presso l'Università di Bologna
Patrick George Zaki, ricercatore presso l'Università di Bologna - Sputnik Italia
Seguici su
Patrick George Zaky resta in carcere, lo ha deciso il tribunale egiziano di Mansura. In aula per l'attivista e studente numerosi rappresentanti di ambasciate straniere.

Patrick George Zaky resta in carcere, ad annunciarlo il suo legale rappresentante Wael Ghally, dell’Egyptian initiative for human rights (Eipr), la Ong per cui anche Zaky lavora.

Nuova udienza davanti al giudice il prossimo 22 febbraio quando Zaky dovrà difendersi dalle accuse.

Le ambasciate internazionali in aula per Zaky

Il quotidiane La Repubblica porta che in aula nel tribunale di Mansura erano presenti i rappresentanti dell’Ambascita d’Italia, del Canada e della Svezia e fuori vi era anche un diplomatico americano.

Zaky è stato difeso da ben quattro avvocati, la prima a parlare è stata Huda Nasrallah, la responsabile del pool.

Le accuse

L’avvocato racconta al giudice che il giovane è stato arrestato per errore al suo rientro in Egitto dall’Italia. Un giovane rientrato per trascorrere un periodo di vacanza.

Nasrallah parla anche della pagina Facebook che viene attribuita a Zaky e che secondo i suoi legali sarebbe falsa.

Anche Zaky ha parlato ed ha raccontato al giudice di essere solo uno studente che in Italia segue un master.

E lì vuole tornare a studiare: “Non ho fatto nulla di male”.

L’Unione europea contro l’Egitto

Nei giorni scorsi il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli aveva chiesto l’immediato rilascio di Zaky rivolgendosi direttamente al governo egiziano.

La risposta dall’Egitto non si è fatta attendere ed è arrivata attraverso il presidente della Camera del parlamento egiziano, che ha bollato come una ingerenza e un attacco all’indipendenza della magistratura la richiesta del presidente del Parlamento Europeo.

L’Unione Europea segue da vicino il caso anche con l’Alto Rappresentate per gli Affari Esteri Josep Borrell.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала