Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Irpef, le Partite Iva pagano il 30% in più dei lavoratori dipendenti

tasse
tasse  - Sputnik Italia
Seguici su
Sono i lavoratori autonomi più tartassati dalle tasse. Il reddito delle partite Iva subisce una tassazione maggiore del 30% rispetto a quello dei dipendenti e del 67% in più rispetto ai pensionati. Lo rivela CGIA.

All'indomani dall'annuncio del governo della riduzione del cuneo fiscale per i redditi da lavoro dipendente, il CGIA avvisa: sono i lavoratori autonomi a subire il maggiore prelievo medio sul reddito. 

I numeri parlano da soli: per il 2018 l’Irpef media versata dai lavoratori autonomi è di 5.091 euro, mentre quella versata dai lavoratori dipendenti è di 3.927 e quella dei pensionati è  di 3.047. Questo vuol dire che il prelievo sul reddito da lavoro autonomo è maggiore del 30% rispetto a quello da lavoro dipendente e del 67% rispetto a quello da pensione. 

Le ragioni di questo gap, spiega CGIA, sono essenzialmente due: 

  1.  maggior reddito dichiarato dalle Partite Iva, a cui corrisponde un maggiore prelievo;
  2. maggiori detrazioni di cui godono i redditi da lavoro dipendente e le pensioni. 
"Crediamo sia importante chiarire questa questione per smentire una tesi molto diffusa, soprattutto in alcuni ambienti sindacali, secondo la quale in Italia le tasse sono onorate quasi esclusivamente da coloro che subiscono il prelievo fiscale alla fonte - dichiara il direttore dell’Ufficio studi della CGIA, Paolo Zabeo - I risultati di questa elaborazione dimostrano in maniera inconfutabile che le partite Iva sono mediamente più tartassate degli altri contribuenti-persone fisiche”. 

Secondo Renato Mason, segretario di CCGIA, il governo dovrebbe adottare nuove misure per ridurre il carico fiscale delle partite Iva. “Dopo aver deciso di tagliare il cuneo fiscale, rendendo così le buste paga dei lavoratori dipendenti più pesanti, a nostro avviso è auspicabile che il Governo Conte torni ad alleggerire il carico fiscale anche sulle piccole e micro imprese".

Una misura che avrebbe delle conseguenze positive dirette anche sui lavoratori dipendenti, dato che "in questi ultimi anni di difficoltà economica la stragrande maggioranza dei nuovi posti di lavoro è stata creata dalle attività imprenditoriali di piccola dimensione” conclude Mason. 

 

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала