Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Coronavirus: secondo l’OMS, è troppo presto dichiarare lo stato di emergenza

© REUTERS / Aly SongPersone con le maschere a Shanghai
Persone con le maschere a Shanghai - Sputnik Italia
Seguici su
Gli esperti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ritengono che dichiarare lo stato di emergenza in relazione al recente scoppio del Coronavirus, proveniente dalla Cina, sia prematuro. Lo ha detto un portavoce dell'OMS durante un briefing telefonico.

“Il Comitato di emergenza dell'Organizzazione Mondiale della Sanità ha ritenuto che dichiarare lo stato di emergenza è ancora troppo presto”, ha detto un rappresentante dell’organizzazione.

A sua volta il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha affermato che l'organizzazione continuerà a valutare il grado di pericolo del nuovo Coronavirus, ma per fare dei passi avanti in questo contesto l'OMS avrà bisogno di "maggiori informazioni".

“Siamo informati dai media su sospetti casi di infezione da Coronavirus al di fuori della Cina, ma queste informazioni al momento sono in fase di verifica”, ha affermato.

"E' un'emergenza in Cina, ma non è ancora diventato un'emergenza sanitaria globale", ha aggiunto.

Coronavirus

Alla fine di dicembre, un focolaio di polmonite precedentemente sconosciuta, successivamente identificato come un nuovo ceppo di Coronavirus, è stato registrato nella città cinese di Wuhan che è attualmente in isolamento a causa della paura che il virus si trasformi in un'epidemia.

In risposta all'epidemia le autorità di Huanggang, una città vicina a Wuhan che ospita più di sette milioni di persone, hanno sospeso aerei e treni in entrata e in uscita dalla città.

Secondo i recenti dati, più di 600 casi di contagio sono stati confermati, e 18 persone sono morte a causa del cosiddetto Coronavirus.

Le autorità cinesi hanno confermato che il virus può essere trasmesso uomo a uomo, e i casi di infezione sono già stati registrati a Hong Kong, Taiwan, Thailandia, Giappone, Corea del Sud, Stati Uniti e Macao con la recente comparsa a Singapore.

I pazienti hanno avuto come sintomi febbre e difficoltà respiratorie. Le radiografie toraciche di questi infetti mostrano lesioni invasive ai polmoni.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала